3 regole per innaffiare correttamente i pomodori

di AnnaMaria Commenta

Nell’orto i pomodori estivi cominciano a crescere e bisogna prendersene cura. Per prevenire pomodori con foglie gialle, crepe sulla buccia  e marciumi apicali bisogna evitare tutte quelle abitudini sbagliate legate a una scorretta irrigazione. Ecco 3 regole per innaffiare correttamente i pomodori.

1. Quanto innaffiare i pomodori

Tutto dipende da dove state coltivando. I pomodori in vaso devono essere irrigati due volte al giorno, mattina e sera, con una piccola quantità di acqua. Il pomodoro coltivato in piena terra invece ha bisogno di essere irrigato a seconda delle condizioni climatiche e del terreno. Se il terreno è secco e fa molto caldo, si deve innaffiare tutte le sere, altrimenti va bene anche un’irrigazione a giorni alterni.

COLTIVARE I POMODORI: TERRENO E SEMINA

2. Come innaffiare i pomodori

Le piante vanno innaffiate con regolarità, senza esagerare fino al momento della formazione dei frutti. Quando vedrete i frutti, dovrete aumentare la quantità d’acqua ricordando sempre che il terreno non deve essere inzuppato, ma fresco. La regolarità delle innaffiature è fondamentale per avere dei buoni frutti. Se la buccia dei pmodori si crepa, questo puà essere dovuto ad un’umidità discontinua o dall’avere esposto la pianta al freddo di inizio stagione.

ORTO SUL BALCONE: I POMODORI

3. Errori da non fare quando innaffiate

Evitate di innaffiare i pomodori nelle ore troppo calde. Non versate mai l’acqua sulle foglie ma direttamente sul terreno. Anche un getto d’acqua forte è da evitare perchè può danneggiare la struttura del terreno e bagnare solo la superficie. E’ meglio irrigare i pomodori somministrando poca acqua per volta, magari realizzando dei canali irrigui (solchi) nei quali potete appoggiare una pompa di piccolo calibro che convoglia l’acqua nel canale di irrigazione.

Photo Credit| Thinkstock

google-max-num-ads = "1">