Orticolario 2016, tra rose “green” e salici