L’aumento delle temperature sta danneggiando le coltivazioni

di Mariposa Commenta

Il clima è il primo campanellino d’allarme: la natura sta subendo trasformazioni devastanti e non per suo volere. Anno dopo anno ci stiamo avvelenando, avveleniamo la nostra Terra e il risultato di tutto ciò sono le temperature. La colonnina di mercurio è salita davvero alle stelle in questo caldissimo autunno. A lanciare l’allarme è un’analisi della Coldiretti sulla base dei dati Ucea relativi alla prima decade del mese dopo che anche lo scorso ottobre è stato particolarmente caldo con temperature minime superiori di 2,8 gradi.

vite

Questa tendenza non riguarda solo l’Italia, ma ovviamente il Mondo intero. Perché ne parliamo qui, oggi? Perché ovviamente l’inverno sta per arrivare e le coltivazioni non saranno per nulla preparate al gelo, passando da un clima quasi estivo a uno più rigido. Anche gli insetti che prolificano sono la dimostrazione di questo caldo: i parassiti rimangono attivi e attaccano più facilmente le colture. Quali sono gli effetti?

Si sono manifestati anche in Italia con la più elevata frequenza di eventi estremi, con sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi e intense, con vere e proprie bombe d’acqua e l’aumento dell’incidenza di infezioni fungine e dello sviluppo di insetti.

Nel dettaglio il vino italiano è aumentato di un grado in 30 anni e si spostata anche la zona di coltivazione tradizionale di alcune colture come l’olivo che è arrivato quasi a ridosso delle Alpi. E non è tutto perché in Pianura Padana si coltiva quasi la metà della produzione nazionale di pomodoro per le passate. Può sembrare normale o poco preoccupante, in realtà questa situazione mette a rischio i prodotti tipici del Made in Italy.

Photo Credits | Csaba Peterdi / shutterstock

google-max-num-ads = "1">