leonardo.it

Fioriture estive: la Vallota

 
Gioia Bò
23 luglio 2010
0 commenti

La Vallota è una pianta bulbosa sempreverde appartenente alla famiglia delle Amaryllidacee ed originaria dell’Africa. E’ caratterizzata da foglie lunghe e nastriformi di colore verde intenso e da fiori imbutiformi di colore rosso (alcune varietà presentano anche colorazioni bianco, arancio o rosa), che restano per diverse settimane a far bella mostra di sé sui lunghi steli.

La particolarità della pianta è data dalla splendida fioritura, ma spesso la Vallota viene coltivata anche per la bellezza del suo fogliame che persiste tutto l’anno, offrendo uno spettacolo di verde molto caratteristico. Si può coltivare anche in piena terra, ma di solito si preferisce l’allevamento in vaso, così da poterla spostare in casa nel periodo più freddo dell’anno.

Vallota

  • Fioritura: da luglio a settembre
  • Impianto: nella stagione autunnale
  • Tipo di pianta: bulbosa perenne
  • Altezza max: 60 centimetri

Esposizione

La Vallota ama essere collocata in una posizione luminosa della casa o del giardino, in modo che i raggi diretti del sole possano baciarla per diverse ore nel corso della giornata. Non tollera temperature inferiori ai 10°C ed è per questo che solitamente si coltiva all'interno delle pareti domestiche o in serra nel periodo invernale, per essere poi trasferita all'aperto dalla tarda primavera all'inizio dell'autunno.

Terreno

Per una buona riuscita nella coltivazione, la Vallota va collocata su un terreno fertile, sciolto e ben drenato, che lasci scorrere via l'acqua delle innaffiature senza creare problemi all'apparato radicale.

Innaffiatura

Le operazioni di irrigazione devono essere regolari ed abbondanti nel periodo che va da marzo a settembre, lasciando che il terreno abbia il tempo di asciugarsi tra un'innaffiatura e l'altra. In inverno, invece, le irrigazioni vanno diradate sensibilmente.

Malattie e avversità

E' soggetta a marciumi radicali ed all'attacco della cocciniglia farinosa, da trattare tempestivamente con un batuffolo imbevuto di alcol o con un antiparissitario specifico.

Concimazione

Nel periodo vegetativo è opportuno fornire alla pianta del fertilizzante liquido per piante da fiore almeno due volte al mese.

Moltiplicazione

Si propaga per divisione di bulbi nel periodo autunnale, lasciando che le nuove piante abbiano il tempo di radicare in un contenitore singolo.

Articoli Correlati
YARPP
Bulbose da piantare in autunno, la Vallota

Bulbose da piantare in autunno, la Vallota

La Vallota è una pianta bulbosa perenne appartenente alla famiglia delle Liliacee ed originaria dell’Africa del Sud. Si tratta di una pianta costituita da foglie arcuate, nastriformi, di colore verde […]

Fioriture estive, l’Exacum affine

Fioriture estive, l’Exacum affine

L’Exacum affine è una magnifica pianta appartenente alla famiglia delle Gentianacee ed originaria dell’Isola di Socotra. E’ caratterizzata da fusti sottili, lunghi al massimo 40 centimetri, e da foglie ovali, […]

Fioriture estive, la Curcuma longa

Fioriture estive, la Curcuma longa

La Curcuma longa è una splendida pianta da giardino appartenente alla famiglia delle Zingimberacee ed originaria dell’Australia e del continente asiatico. Si tratta di una pianta caratterizzata da radici rizomatose […]

Fioriture estive: Aeschynanthus speciosa

Fioriture estive: Aeschynanthus speciosa

L’Aeschynanthus speciosa è una pianta appartenente alla famiglia delle Gesneriacee ed originaria di Giava, del Borneo e dell’India, particolarmente apprezzata sia per la bellezza del fogliame che per la straordinaria […]

Fioriture estive: l’Hedychium

Fioriture estive: l’Hedychium

L’Hedychium è una pianta rizomatosa perenne appartenente alla famiglia delle Iridacee ed originaria dell’Asia, molto diffusa nelle zone temperate del Pianeta ed apprezzata per la splendida fioritura. E’ caratterizzata da […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento