Callistemon, le cure invernali

di Valentina Commenta

Quali sono le cure invernali per il callistemon? Questa pianta estiva, in grado di dare davvero molte soddisfazioni nel corso della stagione calda, necessita di essere ben protette e “viziata” durante i primi freddi e la stagione invernale. Vediamo come.

callistemon

Il callistemon, va sottolineato, è una pianta tropicale originaria dell’Australia: questo implica che la stessa sia abituata a temperature ben specifiche, nonostante la sua facilità di adattamento alle nostre latitudini. Con l’arrivo dell’autunno e dell’inverno viene a mancare un alleato importante di questo esemplare:  il clima caratterizzato da alte temperature. Ecco quindi che la prima cura invernale alla quale deve essere sottoposta è la protezione dalle intemperie e dal gelo.  Se la si è coltivata in vaso nonostante la sua grandezza, si può tentare di portarla in un luogo più riparato, anche in casa. In caso questo non fosse possibile, puntare su del tessuto non tessuto opportunamente drappeggiato sul tronco all’attaccatura del terreno potrebbe rivelarsi di ottimo aiuto.Essa, a seconda delle varietà, può godere di uno sviluppo perfetto anche all’interno di un’abitazione.

E’ altresì importante, durante l’inverno, prendersi cura di lei in modo corretto dal punto di vista idrico. Il callistemon infatti non richiede molte attenzioni per ciò che riguarda il terriccio, ma pretende a seconda delle stagioni la perfetta quantità d’acqua. In inverno questo significa annaffiare quando il substrato è completamente asciutto avendo cura di non creare ristagni idrici sia all’interno del vaso che nel sottovaso. E non optare per rinvasi che potrebbero stressare la pianta al punto di portarla ad un appassimento precoce.

Photo Credit | Pixabay

 

google-max-num-ads = "1">