Maca, usi e proprietà

Spread the love

maca

Tra le piante tonificanti e afrodisiache, una tra quelle più conosciute è senz’altro la Maca, il cui nome botanico è Lepidium peruvia, un tubero appartenente alla famiglia delle Brassicaceae, originario delle Ande che cresce sono in determinate condizioni: altitudini comprese tra i 2500 e i 5000 metri, temperature sotto zero, luce intensa e terreni rocciosi.

Tuttavia la Maca è una pianta molto utilizzata in fitoterapia: la parte usata per le preparazioni erboristiche è la radice, un piccolo tubero di otto centimetri di diametro; questa pianta, che generalmente si mantiene di piccole dimensioni, produce anche dei piccoli fiori di colore grigio.

L’utilizzo della Maca ha origini molto antiche: già 2.000 anni fa era usata dagli Incas, anche se il suo utilizzo era destinato soprattutto ai soldati e ai nobili, a causa della sua ricchezza nutritiva. La pianta è diffusa in Perà, Bolivia e Argentina e in questi Paesi viene consumata normalmente e inserita nell’alimentazione.

Dalle Ande al resto del mondo; il consumo della Maca si sta diffondendo anche fuori i confini latino americani, e soprattutto in America dove viene usata per aumentare la fertilità, come afrodisiaco, come equilibratore ormonale e, anche, in caso di problemi alle vie respiratorie, contro l’artrite reumatica e per prevenire l’invecchiamento. Gli atleti, inoltre, usano la Maca per aumentare la resistenza dei muscoli.

La Maca contiene proteine, amminoacidi essenziali, carboidrati, fibre, minerali e vitamine del gruppo B, insomma contiene tanti nutrienti utili per l’organismo e per questo è particolarmente ricercata e usata anche nel nostro Paese.

Per quanto riguarda il dosaggio, sono molti i fattori che intervengono nell’utilizzo, e nella quantità di Maca che deve essere utilizzata; in via di principio è consigliato assumere 1,5 grammi divisi in tre porzioni da prendere a stomaco pieno dopo i pasti principali, tuttavia è bene rivolgersi al proprio medico di fiducia per avere indicazioni personalizzate sulla somministrazione.

 

Photo Credit | Thinkstock


Lascia un commento