Fiori da piantare a marzo, la bella di notte

di AnnaMaria Commenta

La primavera sta arrivando ed è il momento di seminare piante perenni e annuali, per poter godere dei fiori colorati che mettono allegria nel nostro giardino. Tra queste, c’è la bella di notte il cui nome scientifico è Mirabilis Jalapa, una pianta perenne originaria dell’America Meridionale e più in particolare del Perù.

Si presenta come un denso cespuglio eretto, molto ramificato, con grandi foglie verde scuro, lucide, con la base a forma di cuore. In estate produce molti fiori profumati di colore giallo, rosso, rosa o bianco oppure bicolori; spesso su una stessa pianta sbocciano fiori di due colori diversi. La sua caratteristica peculiare è che i fiori si si schiudono all’imbrunire ed è a questa particolarità che la pianta deve il suo nome. Produce moltissimi semi fertili, legnosi, neri e forma di uovo. Di solito i fiori si aprono soltanto alla sera, sempre dopo le 5 del pomeriggio, non hanno corolla, ma sono costituiti da un calice unico che si apre a tromba.

> SIGNIFICATO DEI FIORI, LA BELLA DI NOTTE

Bella di notte, coltivazione

Le belle di notte crescono meglio a mezz’ombra. Specialmente in estate richiedono abbondanti innaffiature ma facendo attenzione ai ristagni idrici che sono pericolosissimi. La concimazione deve avvenire con regolarità durante il periodo della fioritura utilizzando un concime liquido appropriato alla pianta, diluito nell’acqua di innaffiatura.

> BELLA DI NOTTE, FIORITURA PRIMAVERILE

Bella di notte, potatura

La pianta si può potare delle parti in eccesso, troppo lunghe, secche o dei rami rovinati con regolarità. L’eliminazione di parte della vegetazione della pianta, oltre che dare ordine al cespuglio, stimola la produzione di nuovi boccioli.

> MIRABILIS JAPALA OVVERO LA BELLA DI NOTTE

Photo Credit| Thinkstock

google-max-num-ads = "1">