La lingua di suocera, Epifillio

di Marion

Gli epifilli (Ephiphyllum), noti anche con il nome comune di lingua di suocera, sono piante grasse che pur appartenendo alla famiglia delle Cactacee non sono originarie delle zone desertiche ma crescono allo stato spontaneo nelle foreste tropicali dell’America Centrale e prosperano quindi in condizioni ambientali completamente differenti da quelle delle cactacee delle quali vi abbiamo già parlato come l’Echinocactus (il famoso Cuscino della suocera) o il Ferocactus.

Le lingue di suocera devono il proprio grande valore ornamentale all’aspetto esotico: sono piante epifite dal portamento cespitoso, spesso ricadente, caratterizzate da fusti piatti e stretti dai margini dentellati che hanno l’aspetto di foglie carnose di colore verde scuro. All’estremità dei tronchi sbocciano in primavera-estate grandi fiori imbutiformi che durano di solito un giorno e una notte.

Tra le specie più belle di Epifillo troviamo:

  • Ephiphyllum ackermannii, caratterizzato da lunghi fiori di colore rosso brillante;
  • Epiphyllum crenatum, i cui fiori bianco-crema si aprono solo durante il giorno;
  • Epiphyllum Cooperi ed Epiphyllum Kimnachi con fiori bianchi, profumati, che si aprono a mezzogiorno e durano solo 24 ore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.