Pothos, un tocco di eleganza in soggiorno

di Marion

Lo Scindapsus aureum, indicato con il nome comune di potos, appartiene al genere Scindapsus della famiglia delle Araceae. Il genere comprende una quarantina di specie rampicanti sempreverdi originarie dell’Asia sud-orientale caratterizzate da grandi foglie verdi molto decorative. Il pothos, in particolare, è molto diffuso come pianta d’appartamento per via del proprio aspetto elegante e maestoso cui si aggiunge una grande facilità di coltivazione: bastano pochi accorgimenti colturali infatti per farne un vero e proprio elemento di arredo.

Per cominciare scegliamo per il nostro pothos una posizione luminosa ma non soleggiata, quindi innaffiamo con molta moderazione e facendo asciugare il terreno tra una bagnatura e l’altra per evitare la formazione di marciumi radicali e l’attacco di parassiti. Se desideriamo che la pianta raggiunga dimensioni considerevoli (in natura può raggiungere i sei mtri di altezza) dovremo rinvasarla ogni due anni nei mesi di Marzo-Aprile e concimarla due volte al mese con concime liquido per piante verdi da Marzo a Settembre.

Poichè, come accennato si tratta di una rampicante, il pothos tende ad accrescersi il larghezza, è quindi opportuno inserire nel vaso un tutore ricoperto di muschio che le permetta invece di crescere in altezza o, in alternativa, coltivarla in ciotole appese in modo che i rami scendano verso il basso.

La moltiplicazione può essere fatta per talea in primavera: bisogna prelevare dai germogli alla base della pianta talee lunghe almeno dieci centimetri che andranno poste a radicare in una miscela in parti uguali di sabbia e torba, quindi mantenute ad una temperatura di 20° finchè non abbiano radicato e trasferite in vasi singoli.

Esposizione: luminosa ma non in pieno sole;

Bagnature: moderate (lasciar asciugare il terreno tra un’innaffiatura e l’altra);

Concimazione: intervenire con fertilizzante specifico per piante verdi due volte al mese da Marzo a Settembre;

Moltiplicazione: per talea basale in primavera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.