Lantana camara, come coltivarla

di AnnaMaria Commenta

La lantana camara è una delle specie più conosciute di questa pianta fiorita molto semplice da coltivare e molto amata per i suoi fiorellini delicati e coloratissimi. In più si tratta di un arbusto sempreverde con infiorescenze costituite da piccoli fiori multicolori che rendono più belli anche i giardini invernali. E poi l’odore intenso delle foglie può essere un po’ sgradevole per gli uomini ma sicuramente è un ottimo repellente per le zanzare e questa caratteristica la rende una delle piante estive per eccellenza.

L’estate è il periodo in cui sbocciano più fiori, che spuntano all’ascella delle foglie da maggio ad agosto riuniti in corimbi globosi. I fiori della lantana camara possono addirittura cambiare colore, infatti i fiori tendono a scurirsi con il passare del tempo e possono passare dal bianco al giallo fino al rosso e anche una sola infiorescenza può avere diverse tonalità.

> LANTANA: LA PIANTA SEMPREVERDE DAL SUD AMERICA

Lantana camara: come coltivarla

La coltivazione della lantana camara non è particolarmente difficile e l’unico problema è la sua invasività. Si tratta infatti di un arbusto molto invasivo e resistente che deve essere potato con regolarità per non ingrandirsi eccessivamente. Il terreno dove coltivare la lantana deve essere fatto di compost universale, preferibilmente con torba o cocci posizionati sul fondo del vaso per migliorare il drenaggio dell’acqua ed evitare i ristagni.

> LANTANA SELLOVIANA, FIORITURA ESTIVA

La lantana camara deve essere posizionata in mezz’ombra, in un luogo dove possa ricevere la luce intensa del sole ma non i raggi diretti della stagione più calda. Può tollerare temperature minime fino ai 10 gradi C e se la coltivate in terrazzo è preferibile proteggere i vasi dal freddo in inverno.

> LANTANA CAMARA

Le innaffiature devono essere abbondanti da aprile fino a ottobre, anche nebulizzando acqua sulle foglie nei periodi più caldi. Per riprodurre la lantana camara si può utilizzare il metodo della talea, prelevando a marzo i getti di 8-10 cm dai giovani germogli ma volendo si possono anche utilizzare i semi che si trovano in commercio.

Photo Credit| Thinkstock

google-max-num-ads = "1">