L’azalea, come curare malattie e parassiti

di gianni puglisi

L’azalea è una pianta che appartiene al genere Rhododendron della famiglia delle Ericaceae. E’ caratterizzata da arbusti che raggiungono mediamente i 50-70 cm di altezza, formati da tralci semilegnosi a foglie caduche e fiori a 5 stami. Le dimensioni contenute la rendono adatta alla coltivazione in vaso, anche all’interno di appartamenti. Il fascino di questa pianta risiede nella sua fioritura, caratterizzata da fiori dalle svariate tonalità di colori che vanno dal bianco al rosso, raggruppati in mazzetti alle estremità dei tralci.

Ora vedremo come questa pianta può essere curata dalle malattie e dai parassiti che più la colpiscono. In primo luogo le malattie da fungo: marciume radicale e del colletto, perdita di foglie e boccioli che rinsecchiscono prematuri, sono patologie fungine dovute a una eccessiva umidità o ristagni idrici. Per combatterle bisogna migliorare il drenaggio e l’aereazione del terreno nonchè rimuovere e bruciare con tempestività le parti ammalate. Per quanto riguarda le innaffiature, è bene evitare di bagnare la parte aerea della pianta e di intervenire durante le ore calde della stagione estiva. In presenza di questo tipo di patologie è consigliato evitare concimi a base di azoto che normalmente le favoriscono.

Per quanto riguarda i parassiti animali che maggiormente aggrediscono le azalee, ricordiamo il ragnetto rosso e l’oziorrinco, una specie di coleottero: entrambi sono responsabili del danneggiamento delle foglie, reso evidente dalla comparsa di macchie giallastre.

L’azione dannosa di questi animaletti è da curare e prevenire attraverso l’uso di specifici insetticidi da diluire nell’acqua destinata all’irrigazione. Il ragnetto rosso, in particolare, è un acaro invisibile a occhio nudo che si nutre della linfa della pianta per mezzo di punture che diventano vie d’accesso per altri batteri. La pianta aggredita da tali ragnetti va curata con acaricidi, mentre possono essere prevenuti assicurando alla pianta un ambiente umido e fresco.

Un altro parassita che danneggia la azalea è la cocciniglia, da combattere polverizzando la parte aerea della pianta con uno specifico anticrittogamico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.