Lavori autunnali: moltiplicare le ortensie per talea di fusto

di gianni puglisi

L’autunno è il momento ideale per moltiplicare diverse piante; una di queste è l’ortensia, una bella acidofila in grado di regalare una colorata e abbondante fioritura in primavera. Proprio in questo periodo, infatti, è possibile realizzare delle talee di fusto che entro due anni garantiranno ottimi risultati; vediamo, dunque, come procedere.

Come dicevamo, l’autunno è il periodo ideale per moltiplicare le ortensie per talea di fusto, un’operazione che, se effettuata con le giuste attenzioni, garantirà dei buoni risultati. L’ortensia, botanicamente Hydrangea, è una pianta originaria della Cina e del Giappone del cui genere fanno parte circa 80 specie rustiche di arbusti e di rampicanti, sia a foglia caduca che sempreverdi.

Per prima cosa prelevate al mattino presto alcune talee apicali della lunghezza di circa dieci o quindici centimetri, dopodiché immergetele subito in un vaso pieno d’acqua fino al momento di trapiantarle: in questo modo eviterete che si disidratino. Per tagliare le talee usate delle forbici ben affilate e disinfettate.

Poi eliminate le foglie alla base delle porzioni e sistemate quattro talee in un vaso di circa quindici centimetri di circonferenza precedentemente riempito con la stessa quantità di sabbia e di torba. Annaffiate il caso e ricopritelo con un sacchetto di plastica trasparente e sistematelo in un luogo riparato.

A questo punto dovrete aspettare la fuoriuscita delle radici che avviene dopo circa quattro o sei settimane; ve ne accorgerete quando spunterà un nuovo germoglio apicale. A questo punto procedete con il rinvaso singolo di ogni talea in contenitori riempiti con una miscela a base di terriccio universale, torba e sabbia. Sistemate i vasi in una posizione riparata e, soprattutto protetta dal freddo e dal gelo; in inverno non dimenticate di controllare l’umidità del terreno.

Le piante così ottenute andranno interrate in piena terra o in vaso la prossima primavera e procedere, poi, con le cure colturali adatte alle ortensie.

 

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.