Prugne e Susine, per un giardino “da mangiare”

di Redazione

Prugne e Susine, vengono spesso confuse tra loro, ma provengono da due alberi differenti. Le prime sono prodotte da varietà europee, le seconde da quelle orientali. Per avere un buon raccolto, basta una sola pianta.

Se volete coltivare, senza troppi problemi, una pianta da frutto, scegliete il susino europeo (Prunus domestica) adatto anche a terreni poveri e alle zone fredde o di montagna, dato che fruttifica senza problemi fino a 1000-1500 metri d’altitudine e resiste alle gelate primaverili.

Per avere un buon raccolto, basta una pianta sola, vi dicevo prima, in quanto quasi tutte le varietà sono autofertili (si “autoimpollinano” e fruttificano senza bisogno di altri esemplari).

Il susino europeo è una specie longeva: un esemplare può rimanere produttivo per 20-30 anni.

 

Il susino cìno-giapponese, invece, è meno facile da coltivare: la fioritura è molto più precoce ed è quindi minacciata dalle brinate tardive.

Quasi tutte le varietà, poi, sono autosterili. Necessitano perciò di un’impollinazione incrociata. Per assicarare un’efficace fecondazione è indispensabile coltivare più esemplari di varietà diverse.

Tornando al susino europeo, esso è un albero di medie dimensioni:
a seconda della varietà, la sua altezza va da 3-4 metri fino a 6-8 metri. In primavera si caratterizza per l’abbondante fioritura di colore bianco. I frutti maturano in estate e possono essere raccolti in un lungo arco di tempo, anche fino a settembre. Si consumano freschi o cotti, e sono ottimi conservati sotto forma di confettura, sciroppati ed essiccati.

Tra prugna e susina non esistono grosse differenze dal punto di vista del gusto e del sapore. Entrambe aiutano a caricarsi di energia e a recuperare liquidi e sali minerali. Sono anche un alimento indicato per gli sportivi, per chi soffre di debolezza e spossatezza legata ai primi caldi: contengono infatti una buona dose di potassio, magnesio, fosforo. Infine stimolano la secrezione della bile e l’eliminazione dell’acido urico e delle tossine.

Commenti (2)

  1. La contatto per un consulto.
    Ho notato non su tutto il raccolto ma solo su alcuni frutti di prugne un’intercapedine di aria nella parte bassa come se il fiore mal si ripiegasse nello sviluppo. Sa se è a conoscenza di una malattia o di un fungo?

    1. @Dario: sia chiaro la pianta sta bene non ha afidi, non ha foglie arricciate come fosse una bolla di pesco. Il frutto è maturo, e ha questa intercapedine d’aria nella parte bassa tra la polpa e il nocciolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.