Afide farinoso del pesco, insetto parassita

di Valentina

L’afide farinoso del pesco è un rincote di colore verdastro che predilige come ospite la suddetta pianta ma non tralascia di colpire se ne ha la possibilità altri alberi da frutto come il mandorlo e l’albicocco. E’ pericoloso per il nostro frutteto? Scopriamolo.

Questa specie di afide vive in colonie nella pagina inferiore delle foglie e sia le neanidi che gli esemplari adulti di questo insetto sono ricoperti da una secrezione cerosa di colore biancastro di grana polverosa. E’ per questo motivo che questo afide possiede questo nome. Essa rimane sulla foglia portando alla sua asfissia ed a quella dei germogli grazie alla abbondante produzione di melata delle colonie. E’ sul fogliame quindi che il maggiore danno viene cagionato sebbene poi anche i germogli ne escono indeboliti lignificando in maniera errata. Altri danni possono essere riscontrati sia sulla vegetazione in generale che sui frutti. Tutto ciò causa una perdita dal punto di vista commerciale per ciò che concerne il suo valore.

Quel che molti non sanno è che l’afide farinoso del pesco vive il suo ciclo vitale tra due piante essenzialmente: il pesco che rappresenta l’ospite primario ed alcune piante nelle sue vicinanze, con particolare predilezione per le diverse varietà di canne. Di solito sverna sul pesco come uovo di colore nero e ricoperto da cera ed in primavera da vita ad almeno 4-5 generazioni prima di migrare in estate sugli ospiti secondari. Con la fine dell’estate e l’arrivo dell’autunno avviene il ritorno sull’ospite primario.

Per quanto la sua presenza non sia facilmente tollerabile sugli alberi, di solito non viene effettuata una lotta specifica, visto che qualsiasi aficida di solito è sufficiente per tenerne sotto controllo il numero sulle piante. Si agisce con un insetticida specifico per l’afide ceroso del pesco solo se la colonia è manifesta dopo la fioritura, per preservare il più possibile i frutti.

Photo Credit | Thinkstock

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.