Alberi da frutto: l’Actinidia (kiwi)

di Gioia Bò

L’Actinidia chinensis, meglio conosciuta come kiwi, è una pianta rampicante appartenente alla famiglia delle Actinidiacee ed originaria della Cina meridionale, molto apprezzata per la deliziosità dei suoi frutti.

Generalmente non supera i 4-5 metri di altezza ma a seconda della specie e delle condizioni ambientali può raggiungere dimensioni molto più consistenti. Si presenta come una liana, che si arrampica ai sostegni attraverso i viticci, con foglie cuoriformi o tondeggianti, dal colore verde scuro sulla pagina superiore e più chiaro su quella inferiore.

I fiori sono costituiti da 5-6 petali color bianco crema e compaiono sui rami nel periodo che va da giugno ad agosto. I frutti sono ovali, di colore marrone, ricoperti di peluria e contengono una polpa verde puntinata di semi neri o viola e particolarmente ricca di vitamina C.

L’Italia è il maggior produttore mondiale di kiwi, segno evidente che la nostra terra è particolarmente adatta per la sua coltivazione. Per ottenere i migliori risultati occorre collocare la pianta in una posizione soleggiata o al massimo in un luogo semi-ombreggiato, senza preocupparsi della temperatura minima invernale, poiché il kiwi si adatta perfettamente anche al freddo intenso.

Le irrigazioni devono essere regolari nel primo periodo di vita della pianta, mentre col passare degli anni si renderanno necessarie solo in caso di siccità prolungata. Le concimazioni devono essere effettuate nel periodo vegetativo, fornendo alla pianta del fertilizzante organico, affinché produca un maggior numero di frutti.

E’ da tener presente, inoltre, che il kiwi è una pianta dioica (gli organi riproduttivi maschili e quelli femminili sono portati da piante diverse) ed è quindi necessario piantare almeno un “maschio” per otto “femmine” se si vuole arrivare alla raccolta dei frutti.

Ricordiamo infine che il kiwi ha riconosciute proprietà dissetanti, rinfrescanti, diuretiche e depurative, che vanno ad aggiungersi all’alto contenuto di vitamina C, particolarmente utile al nostro organismo.

Commenti (1)

  1. quando inizia la raccolta dei kiwi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.