Concimare il prato

di Marion

Lo sviluppo del manto erboso, il taglio dell’erba e gli agenti atmosferici impoveriscono progressivamente il terreno del proprio contenuto di sostanza organica ed elementi minerali; per questo motivo è necessario reintegrare queste componenti attraverso concimazioni periodiche. Tenuto conto che un concime completo è composto da macroelementi quali azoto, fosforo e potassio e da microelementi quali ferro, magnesio, boro e manganese, non esiste in realtà una miscela universale adatta a tutti i tipi di prato; la scelta del concime impiegato dipende infatti da fattori quali appunto il tipo di prato (rustico, ornamentale, sportivo) e delle specie impiegate per realizzarlo.

Per intenderci, mentre un prato rustico necessita di un concime che presenti un rapporto tra azoto (N), fosforo (P) e potassio (K) pari a 10:5:8 (g/m2) tale proporzione per un prato ornamentale medio dovrà essere pari a 20:8:2. Inoltre la concimazione del prato dovrà essere calibrata in funzione del volgersi delle stagioni: mentre nei mesi di marzo, aprile e maggio sarà opportuno somministrare in abbondanza concime ricco di azoto per favorire la ripresa e lo sviluppo vegetativo, in tardo autunno sarà meglio ricorrere a un concime a lenta cessione. Le specie erbacee a crescita estiva necessiteranno invece di interventi in maggio-giugno e in agosto-settembre; in questo caso il rapporto fra azoto, fosforo e potassio dovrà essere tale che la percentuale di potassio sia quasi pari a quella di azoto.

Noterete, qualunque concime voi usiate, come la percentuale di azoto sarà sempre superiore a quella di fosforo e potassio; questo perchè l’azoto, favorendo lo sviluppo delle foglie, è l’elemento più importante per lo sviluppo del tappeto erboso. All’azoto segue, per ordine di importanza, il potassio che interviene sullo sviluppo dell’apparato radicale e conferisce all’erba maggiore resistenza alle malattie. Alcuni concimi per prato contengono poi discrete quantità di ferro, utile a ravvivare il verde del prato e a limitare lo sviluppo di muschi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.