Crassula falcata, la succulenta a forma di falce

Spread the love

crassula falcata

Al genere Crassula appartengono circa 300 specie di piante succulente, originarie per lo più della zona sudafricana. In queste poche righe vogliamo però concentrare la nostra attenzione su una varietà molto apprezzata sia per la forma curiosa che per la meravigliosa fioritura.

Mi riferisco alla Crassula falcata (conosciuta anche come Rochea falcata), caratterizzata da foglie a forma di lama di falce dal colore grigio-verde e da fiori molto appariscenti dal colore rosso, che ne fanno una delle succulente più belle in natura.

E’ una pianta di facile coltivazione che non necessita di particolari cure, ma chiede solo di essere rispettata nelle esigenze primarie. E allora come fare ad ottenere una stupenda Crassula falcata?

Predilige l’esposizione in una zona luminosa della casa, ma non ai raggi diretti del sole, che potrebbero rovinarne il magnifico fogliame. In estate, poi, può essere esposta tranquillamente al di fuori delle pareti domestiche, facendo in modo che la luce diretta la colpisca solo nelle ore più tiepide della giornata (al mattino presto o nel tardo pomeriggio).

Il terreno deve essere ricco e ben drenato ed è quindi consigliabile aggiungere della sabbia, che favorisca il passaggio veloce dell’acqua in fase di irrigazione. Ed a proposito di acqua, la Crassula falcata, come tutte le succulente, non ha grandi esigenze. Nel periodo estivo è bene provvedere a delle innaffiature regolari e moderate, mentre in inverno sarà bene sospendere le irrigazioni, specie in presenza di climi rigidi che potrebbero causare il congelamento dell’apparato radicale. In primavera si può aggiungere all’acqua del fertilizzante ricco di potassio e di fosforo, avendo cura di sincerarsi che il concime non contenga azoto, elemento che renderebbe la pianta molliccia e ricca di acqua.

Si moltiplica per seme (ad una temperatura piuttosto elevata) o per talea, tagliando delle foglie e lasciandole radicare nel terreno, dopo averle fatte asciugare per almeno una settimana.

Lascia un commento