Impatiens, riproduzione per semina

di Marion

Forse non tutti sanno che in natura esiste una differenza tra riproduzione e moltiplicazione: mentre con il termine riproduzione si indica l’ottenimento di nuove piante per semina, per moltiplicazione si intende la formazione di nuovi esemplari direttamente da parti della pianta madre.

Nel caso delle Impatiens, per ottenere nuove piante, è possibile ricorrere ad entrambi i metodi ma mentre la riproduzione per seme è più indicata per le specie pure, per gli ibridi, che non di rado sono sterili (non producono semi), è senz’altro più opportuno ricorrere alla moltiplicazione per talea, anche perchè questa permette di ottenere piante con caratteristiche identiche alla pianta madre.

Impatiens, riproduzione per semina

Semina diretta

Se si sceglie di seminare le Impatiens direttamente in vaso o in piena terra bisogna aspettare che passi completamente il pericolo di gelate; il momento migliore è quindi la primavera inoltrata. Il terreno dovrà essere perfettamente ripulito da residui ed erbacce infestanti e andrà opportunamente lavorato perchè diventi fertile e ben drenato. I semi andranno sparsi nel terreno umido, ma non bagnato, entro solchi poco profondi che potrete praticare voi stessi con le dita e, quindi, ricoperti con un sottile strato di terriccio. Le giovani piante faranno la propria comparsa circa un mese dopo e quando avranno raggiunto un’altezza di 8-9 centimetri dovranno essere “cimate” staccando con le dita il germoglio apicale; questo servirà a conferire alla pianta un portamento compatto e a favorire lo sviluppo di rami laterali.

Semina in semenzaio

Seminare le Impatiens in semenzaio permette di anticipare notevolmente l’inizio della coltivazione e garantisce alla pianta maggiore protezione da vento, gelate tardive, acquazzoni , insetti e muffe. Il semenzaio, che si tratti di una porzione di terreno usata esclusivamente per la riproduzione, di un cassone o di una semplice cassetta in plastica, dovrà essere posto in posizione riparata anche all’aperto, o all’interno di una serra o di una veranda. Il procedimento da seguire è lo stesso che abbiamo visto per la semina diretta ma i lavori possono essere anticipati a febbraio-marzo. Le nuove piante potranno essere messe a dimora definitva quando saranno ben sviluppate e quando il clima lo consente.


Commenti (2)

  1. ci ao ho seminato in giugno 2011 dei semi di schinus molle ,ne sono nate tre piantine che ho lasciate in semenzaio fino adesso per trapiantarle che tempi devo aspettare . ogni suggerimento e prezioso grazie

    1. Ciao! Ti consiglio di trapiantare le giovani piantine in vasi più piccoli e di aspettare la primavera per metterle a dimora definitiva in piena terra. Per saperne di più sullo Schinus molle ti segnalo questo nostro articolo:
      http://www.pollicegreen.com/schinus-molle-falso-pepe/11508/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.