Il marciume radicale

di Daniela

Il marciume radicale è provocato da un fungo chiamato armillaria mellea, che attacca soprattutto le piante arboree ed è riconoscibile dalla comparsa sotto la corteccia di placche dalla forma a ventaglio di colore bianco crema; anche le piante ornamentali ne possono essere colpite soprattutto se non sono coltivate correttamente.

Se una pianta è stata colpita da marciume radicale, presenta rami deboli, foglie clorotiche e un crescita faticosa. Il marciume radicale può colpire in ogni periodo dell’anno, soprattutto le piante debilitate o che hanno delle lacerazioni sul tronco, e si manifesta in caso di terreni poco drenati oppure in presenza di acqua stagnante.

Per evitare che il marciume radicale colpisca le piante è importante evitare i ristagni d’acqua, soprattutto nei periodi in cui la pianta riposa; se la pianta ne è stata colpita in modo leggero, basta bruciare i rami infestati e disinfettarla, nelle zona del colletto del tronco, con prodotti a base di rame.

Se il tronco e le radici sono già stati danneggiati, bisogna estirpare la pianta per non far diffondere il fungo negli altri esemplari e disinfettare il terreno con preparati a base di zolfo. I fungicidi che ritrovano in commercio contro il marciume radicale sono utili solo nel caso in cui l’infezione non sia in stato avanzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.