Le piante killer del Giardino dei veleni di Alnwick

di Valentina

Un giardino pieno di piante velenose: nessuno può resistere all’attrattiva che intrinsecamente l’Alnwick Poison Garden contiene già nel suo nome. Ed infatti il giardino dei veleni della cittadina inglese, con le sue piante killer, è molto amato sia dai ragazzi che dagli adulti che sempre più spesso accompagnano i proprio figli alla scoperta di una flora del tutto particolare.

Di molti dei veleni presenti attraverso la loro pianta di origine basterebbe una goccia per uccidere un uomo. Ma l’aura di mistero e di paura, unita molto spesso ad una bellezza scenografica impareggiabile, fa di questo spazio verde della Gran Bretagna uno dei più visitati dell’intero stato.

L’idea è venuta qualche tempo fa alla Duchessa di Northumberland: perché non riunire in un unico spazio tutte quelle piante potenzialmente mortali che popolano il globo terraqueo? Con le giuste precauzioni ed i giusto approccio, nessuno si farà del male, ma in compenso lo spettacolo sarà incomparabile. Detto e fatto, le previsioni in tal senso si dono avverate.

Al pari di un animale pericoloso, le piante velenose del parco sono in uno spazio apposito per loro creato, con tanto di cancello corredato da teschio al fine di evitare anche le contaminazioni più fortuite. E di molte di esse, va detto, l’aspetto è fine ingannatore: la loro bellezza non farebbe mai presagire una potenziale pericolosità. Per poterle guardare da vicino la visita è esclusivamente di tipo guidato, con una particolare attenzione posta nel verificare che nessuno possa avvicinarsi troppo.

Le specie contenute nel giardino dei veleni di Alnwick sono circa cento, e tra di essere figurano anche delle piante di oleandro e tasso, comunemente diffusi nella nostra macchia mediterranea. La duchessa, quando interrogata in merito a questa “creazione”, spiega sempre di essere stata affascinata dalla contrapposizione tra potere curativo e veleno nel mondo vegetale. E dal fatto che molti ragazzi si sarebbero avvicinati alla natura se si fosse reso interessante in qualche modo il concetto della stessa.

Il risultato è sotto gli occhi di tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.