Sughera, utile e maestosa

Spread the love

sughera

La Sughera, nota anche come Quercia del sughero, è una pianta di notevoli dimensioni, appartenente alla famiglia delle Fagacee ed originaria dell’Europa meridionale e dell’Africa settentrionale. In Italia può vantare una vasta diffusione in Toscana, Lazio, Sicilia e – naturalmente – Sardegna, dove ci sono sugherete di grande interesse sia industriale che storico.

Ha portamento arboreo e può raggiungere i 20 metri di altezza, mantenendosi in vita anche per 250-300 anni ed entrando quindi di diritto nella categoria degli alberi monumetali. E’ caratterizzata da un larga chioma con foglie ovoidali, spesso dentate, simili a quelle del leccio e dal colore verdastro.

I fiori compaiono nella tarda primavera, colorando la sughera di giallo o verde, a seconda del sesso dei fiori stessi. Il frutto invece è rappresentato da una ghianda ovale, verde o marrone a seconda del grado di maturità, e lunga fino a 3 centimetri.

Per una coltivazione ottimale, la Sughera deve essere collocata in pieno sole, ad una temperatura che non scenda mai sotto i 5°C. Resiste egregiamente alle estati afose, ma mal sopporta le gelate invernali, che ne compromettono lo stato di salute. Ha una buona resistenza anche alla siccità, purché non troppo prolungata nel tempo.

Il suo legno non è particolarmente apprezzato nella produzione del legname e si preferisce utilizzare la sola corteccia nella produzione di sughero. Anche l’impiego come legna da ardere è piuttosto limitato, poiché il sughero è un ignifugo ed è per questo che nelle zone ad alto rischio di incendi se ne incentiva la coltivazione.

La produzione di sughero dà vita ogni anno ad un giro di affari di milioni e milioni di euro, essendo un prodotto ricercato per diverse applicazioni. Quello di qualità più scadente viene utilizzato generalmente nell’industria delle calzature, mentre quello di media qualità trova impiego nella produzione di tappezzerie e rivestimenti. Solo il sughero di prima scelta finisce per essere impiegato nella produzione di tappi di bottiglia, trovando un mercato molto ampio.

Lascia un commento