WeForest, piantate 13mila alberi nel deserto del Burkina Faso.

di Mariposa Commenta

Trasformare il deserto in foresta. È un obiettivo davvero ambizioso, ma un piccolo passo in questa direzione è stato fatto. Sono stati piantati ben 12.920 nuovi alberi, in grado di assorbire circa 6 tonnellate di Co2, n Burkina Faso, grazie alla partnership avviata lo scorso gennaio tra Europcar, gruppo dell’autonoleggio e dei servizi per la mobilità, e WeForest, organizzazione non-profit internazionale impegnata nella lotta contro il mutamento climatico.

burkina faso

Salvare il pianeta deve essere un’azione corale. Ci sono però delle piccole azioni, che il singolo può fare, che sono importanti nel contributo globale. Per esempio, Europcar propone ai clienti di selezionare l’opzione “Compensazione Co2” che prevede una donazione di 0,50 euro per sostenere l’acquisto di un albero da piantare nel deserto del Burkina Faso. Per ogni albero acquistato da un cliente, Europcar si impegna ad acquistarne un secondo. dichiarato Marcus Bernhardt, Direttore Commerciale del gruppo Europcar, ha commentato:

Il progetto di WeForest, che si propone di piantare alberi in Burkina Faso per proteggere una regione del mondo particolarmente vulnerabile ai cambiamenti climatici, è in totale accordo con il nostro approccio ambientale.

È ovvio che un’azienda così importante ha sempre un fine commerciale, anche quando s’impegna in progetti così nobili. Che dire? Ben venga, il fine in questo caso è davvero più importante. Cercate quindi di ricordare sempre che come vivete, quello che fare condiziona il nostro ambiente, l’ambiente che abbiamo in prestito dai nostri figli: dobbiamo restituirglielo nelle condizioni migliori e ad oggi non possiamo vantarci di aver lavorato in questa direzione.

Foto | Shutterstock /giulio napolitano

 

google-max-num-ads = "1">