Significato dei fiori, liriodendro o tulipifero

di Valentina

II linguaggio dei fiori è tanto vario quanto quello degli esemplari stessi presenti sul nostro pianeta. A tal proposito vogliamo parlarvi del liriodendro e del suo significato. Forse rimarrete sorpresi… O forse no.

Prima di tutto ricordiamo da dove arriva questa pianta: il liriodendro, chiamato anche tulipifero, è un esemplare originario degli Stati Uniti molto simile alla magnolia tradizionalmente utilizzato dai nativi di America sia per costruire canoe per gli spostamenti fluviali, sia per preparare infusi da utilizzare per la cura della salute. Esso in particolare veniva utilizzato dagli indiani per curare la febbre alta. A livello scenografico è molto gradevole: ovviamente assomigliando alla magnolia parliamo di un fiore delicato e davvero bello da vedere. Ha una particolarità: si confonde facilmente con la sua chioma.

Il liriodendro o tulipifero è molto importante ed apprezzato per un altro motivo: l’albero dei tulipani (questo è un altro nome sotto il quale è conosciuto, N.d.R.) è caratterizzato da un patrimonio genetico pressoché rimasto intoccato da milioni di anno fa. Il termine fossile vivente è forse quello che più si addice. E’ stato il suo DNA a rendere possibile la ricostruzione del genoma ancestrale delle piante dotate di fiori.

Nell’immenso mondo del significato dei fiori rappresenta qualcosa che non crederemmo possibile pensando alla magnificenza del suo albero, ovvero riservatezza e pudore. E’ l’aspetto così etereo e delicato degli stessi che ha portato a questa concezione. Soprattutto negli Stati Uniti in cui ha origine, il liriodendro è ancora oggi utilizzato negli Stati Uniti come addobbo delle Chiese in occasione dei matrimoni. Proprio perché di rimando a concetti quasi virginei che da secoli ben si adattano ad essere usati in queste occasioni. Va detto che la fioritura merita ed essendo tipicamente primaverile quasi sempre i fiori che vengono utilizzati nella stagione più fredda sono ottenuti attraverso tecniche di forzatura. Ad ogni modo, se avete la possibilità di osservarne degli esemplari da vicino, fatelo.

Photo Credits | Martynova Anna / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.