Agrumi, malattie e parassiti

 
Gioia Bò
20 ottobre 2010
1 commento

Tra gli alberi presenti nel nostro giardino o nel nostro frutteto, gli agrumi sono forse quelli più soggetti a malattie ed avversità, che potrebbero portare anche alla morte della pianta, se non trattati in modo specifico e tempestivo.

In queste poche righe cercheremo di illustrare i principali danni arrecati agli agrumi da parassiti e condizioni ambientali avverse, nella speranza che le indicazioni possano esservi utili per riconoscere il problema ed individuare le possibili soluzioni.

L’ambiente esterno contribuisce in modo determinante sulla salute dei nostri agrumi. Basti pensare molte malattie sono causate da temperature troppo basse o troppo elevate, dagli agenti atmosferici avversi (vedi grandine, neve, pioggia prolungata o vento) o dall’inquinamento. A questi vanno poi aggiunti i lunghi periodi di siccità, causa il più delle volte dell’ingiallimento delle foglie, della scarsa fioritura e della caduta prematura dei frutti.

Altre cause esterne sono da attribuire alla scarsa illuminazione, che provoca solitamente una fioritura molto ridotta nel numero e – di conseguenza – la maturazione di pochi frutti. E’ per questo motivo che nel momento della messa a dimora occorre scegliere una zona soleggiata o comunque che permetta alla pianta di ricevere l’irradiazione diretta per diverse ore nel corso della giornata.

Tra i nemici giurati degli agrumi, bisogna poi registrare la presenza di numerosi parassiti di origine sia vegetale che animale. Tra i parassiti vegetali (le cosiddette muffe) non possiamo non ricordare la Fumaggine, il Mal Secco le maculature delle foglie e dei frutti, la muffa delle foglie e dei frutti, il marciume bruno dei frutti, il marciume basale o del colletto.

Altrettanto pericolosi sono i parassiti di origine animale, come ad esempio gli afidi o pidocchi, la cocciniglia, gli acari, i ragnetti rossi, la mosca della frutta, la mosca bianca, le Tignole, la Minatrice serpentina, le formiche e l’Oziorrinco.

Ai primi sintomi di malattia o di attacco parassitario è opportuno contattare il proprio vivaista di fiducia e fornire agli agrumi l’antifungino o l’antiparassitario adatto per la cura della nostra pianta.

Articoli Correlati
YARPP
Agrifoglio: attenzione a parassiti e malattie

Agrifoglio: attenzione a parassiti e malattie

In questo periodo dell’anno l’agrifoglio è una delle piante più diffuse nelle nostre case: grazie alle sue bacche rosse perfette per il periodo natalizio è l’ideale per decorare gli ambienti. […]

Tignola degli agrumi, insetto parassita

Tignola degli agrumi, insetto parassita

La tignola degli agrumi è un insetto appartenente alla famiglia degli iponomeutidi ed al genere Prays che attacca, come il nome lascia intendere, limoni e pompelmi; cedri e mandarini e […]

Stella di natale: principali parassiti e malattie dell’euphorbia pulcherrima

Stella di natale: principali parassiti e malattie dell’euphorbia pulcherrima

La Stella di Natale è una pianta davvero molto bella e caratteristica, ma come tutti i vegetali presenti sul pianeta può soffrire dell’attacco di parassiti e di malattie. Oggi daremo […]

Pisello odoroso: principali parassiti e malattie

Pisello odoroso: principali parassiti e malattie

Affrontiamo nello specifico i parassiti che possono colpire il pisello odoroso, una delle semine di settembre più belle e caratteristiche grazie ad una fioritura davvero importante che ne caratterizza l’utilizzo. […]

L’azalea, come curare malattie e parassiti

L’azalea, come curare malattie e parassiti

L’azalea è una pianta che appartiene al genere Rhododendron della famiglia delle Ericaceae. E’ caratterizzata da arbusti che raggiungono mediamente i 50-70 cm di altezza, formati da tralci semilegnosi a […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1santi

    sono proprietario di diversi alberi di agrumi ed hanno, nel tronco e nei rami (quelli più grossi) una malattia che ancora non sono riuscito ad individuare e curare. Si tratta della screpolatura della corteccia (tipo rogna). Mi sapete dire se é curabile? e come?. Grazie.

    2 mag 2013, 10:25 Rispondi|Quota