Come combattere la muffa grigia delle piante

di AnnaMaria Commenta

Tra le malattie delle e piante ornamentali, la muffa grigia è una delle più comuni. Detta anche botrite, a causa del fatto che è provocata dal fungo “botrytis cinerea”, la muffa grigia attacca fiori e piante, e in particolare piante da frutto come la vite, le fragole o il melo, ma più infestare anche piante ornamentali come le petunie, i gerani, le ortensie, le peonie e le piante grasse.

La muffa grigia si manifesta con un indebolimento di foglie e fiori e con la presenza di una peluria grigiastra, mentre sui frutti si forma una muffa di colore biancastro. Nei casi più gravi la malattia può colpire perfino le radici.
Generalmente il fungo della muffa grigia attacca le piante in conseguenza di un’eccessiva irrigazione del substrato in primavera o in autunno oppure a causa di una scarsa circolazione dell’aria. Per le piante coltivate in serra è un problema molto frequente a causa dell’elevata umidità.

FUNGHI DELLE PIANTE: LA MUFFA GRIGIA

Prevenire la muffa grigia

Per prevenire la comparsa della muffa grigia sulle piante è necessario adottare alcuni accorgimenti periodici. Innanzitutto bisogna monitorare con costanza la salute delle piante, che vanno irrigate solo al mattino e senza eccessi d’acqua. Le piante vanno mantenute ad una certa distanza tra di loro in modo che l’aria possa circolare liberamente. Se le piante si trovano in una serra, o sono in giardino sotto una copertura, bisogna fare arieggiare il luogo. Infine è necessario togliere sempre dal terreno le parti appassite delle piante ornamentali o le foglie secche.

MUFFA GRIGIA

Rimedi contro la muffa grigia

In caso vi accorgeste che le piante sono state attaccate dalla muffa grigia, dovete intervenire tempestivamente eliminando tutte le parti ammuffite e irrorando le piante con la cosiddetta poltiglia bordolese. Si tratta di un rimedio molto usato in agricoltura biologica che si può trovare in qualsiasi consorzio agrario e va ripetuto ogni 10 giorni circa, fino a quando il problema non è del tutto risolto.

Un altro rimedio più specifico è l’applicazione di antibiotici contro la bortrite, ma questi ultimi sono fitofarmaci a tutti gli effetti e quindi per utilizzarli è necessario possedere il patentino.

Photo Credit| Thinkstock

google-max-num-ads = "1">