Fiore di cera, coltivazione e cure

 
Gioia Bò
1 marzo 2012
0 commenti

L’Hoya carnosa, meglio conosciuta come Fiore di cera o Fiore di porcellana, è una splendida pianta succulenta appartenente alla famiglia delle Asclepiadacee ed originaria dell’Asia meridionale e del continente australiano. E’ caratterizzata da fusti eretti o striscianti e da foglie carnose, di forma ovale ed appuntita e di colore verde chiaro. I fiori sono a forma di stella, di colore bianco rosato con centro rosso e fanno la propria comparsa nel corso della stagione primaverile o in estate. Sia i fiori che le foglie sono ricoperti da una specie di pellicola cerosa, che conferisce alla pianta un aspetto del tutto particolare.

Il Fiore di cera è una pianta che si coltiva per lo più tra le pareti domestiche, essendo poco resistente alle temperature prossime allo zero. Nella corso della stagione primaverile, tuttavia, può essere collocata in esterno, evitando che i raggi diretti del sole la colpiscano nelle ore più calde della giornata. L’Hoya carnosa è una pianta di facile coltivazione, come dimostra ampiamente la scheda che segue.

Photo Credits: Thinkstock

Hoya carnosa (Fiore di cera)

  • Fioritura: in primavera o nel corso della stagione estiva
  • Impianto: In primavera o in autunno, a seconda del metodo di propagazione
  • Tipo di pianta: succulenta perenne
  • Altezza max: può raggiungere i 10 metri di altezza

Esposizione

L'Hoya carnosa va collocata in una zona luminosa della casa o del giardino, in modo che possa ricevere l'irradiazione diretta per diverse ore nel corso della giornata. In estate, invece, è opportuno garantire alla pianta la giusta ombreggiatura nelle ore più calde, poiché il sole diretto potrebbe compromettere la bellezza della fioritura. Non tollera il freddo intenso ed è per questo che nella stagione invernale va ricoverata tra le pareti domestiche.

Terreno

Cresce bene su qualunque substrato pur preferendo quello sciolto, sabbioso e ben drenato. Nella fase di messa a dimora si consiglia di mescolare terriccio e sabbia.

Innaffiatura

Nel corso della stagione vegetativa è opportuno intervenire con una certa frequenza, lasciando che il terreno si mantenga umido tra un'irrigazione e l'altra, ma evitando che si formino dei ristagni idrici sul terreno. In inverno, invece, le irrigazioni andranno sensibilmente diminuite.

Malattie e avversità

La cocciniglia può compromettere la bellezza della pianta. Il nemico peggiore del Fiore di cera è rappresentato dall'eccesso di umidità, che potrebbe creare marciumi radicali e malattie fungine difficili da debellare.

Concimazione

Nel periodo vegetativo si può favorire lo sviluppo della pianta e la comparsa della fioritura fornendo un concime liquido ricco di potassio, mescolato all'acqua delle irrigazioni almeno due volte al mese.

Moltiplicazione

La propagazione della Hoya avviene per semina nel corso della stagione autunnale o per talea di fusto e di foglia in primavera.

Articoli Correlati
YARPP
Hoya carnosa, il Fiore di cera più diffuso

Hoya carnosa, il Fiore di cera più diffuso

Un delle fioriture più spettacolari della natura, con infiorescenze dall’aspetto curioso e dalla consistenza cerosa. Parliamo dell’Hoya carnosa, il Fiore di cera più diffuso alle nostre latitudini, originario dell’Australia e […]

Bergenia, coltivazione e cure

Bergenia, coltivazione e cure

Per dare un tocco di colore al giardino nel corso della stagione invernale si può puntare sulla coltivazione della Bergenia, una splendida erbacea perenne, originaria del continente asiatico ed appartenente […]

Fiore di cera, varietà e cure

Fiore di cera, varietà e cure

Il Fiore di cera (Hoya, secondo la definizione botanica) è una pianta  succulenta perenne appartenente alla famiglia delle Asclepiadacee ed originaria dell’Australia e del continente asiatico, molto diffusa alle nostre […]

Fiori di cera, come si coltivano e le specie più belle

Fiori di cera, come si coltivano e le specie più belle

Le Hoya (fiore di cera),  sono abbastanza facili da col­tivare ma desiderano intenso calore, luce chiara e diffusa e un giusto grado di umi­dità. In estate è opportuno annaffiare ab­bondantemente […]

Fiore di cera

Fiore di cera

Fu nel 1809 che il botanico inglese Robert Brown, volendo ricordare il famoso giardi­niere del duca di Northumberland al ca­stello di Sion, un certo Thomas Hoy, pensò di chiamare Hoya […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento