leonardo.it

Semi di girasole, proprietà

 
Martina R
17 marzo 2011
Commenta

Ci occuperemo in questo articolo dei semi di girasole, che tutti conosciamo ma di cui forse ignoriamo le proprietà benefiche all’organismo.

I semi di girasole costituiscono i frutti della pianta annuale Helianthus Annus (nome scientifico del girasole), appartenente alla famiglia delle Asteraceae. I semi di girasole sono degli acheni, ovvero dei frutti secchi contenuti in un singolo seme. Come sostengono diversi studi, questi contengono delle proprietà che li rendono ottimi per il cuore e contro l’invecchiamento, più di qualsiasi frutta secca e di molti semi oleosi come le mandorle o le nocciole.

Presentano infatti un contenuto più abbondante di vitamina E, potente antiossidante che previene le malattie cardiovascolari e contribuisce a ridurre il rischio di cancro. Abitualmente, i semi di girasole risultano famosi per l’utilizzo del loro olio, ricco di acidi grassi insaturi. In realtà, già da un pò di anni, questi vengono impiegati dalla fitoterapia per usi terapeutici, per la proprietà antiossidante e per la presenza di altre componenti.

Infatti, a parte il sorprendente contenuto di vitamina E, i semi di girasole si caratterizzano anche per la quantità abbondante di altre vitamine come la B6, l’acido pantotenico, i folati e la niacina, e di minerali quali ferro, rame, fosforo, magnesio, zinco e manganese.

Inoltre, i semi di girasole apportano all’organismo una buona quantità di fibre e proteine, che li rendono una ottima fonte di energia per le attività fisiche.

Come si possono mangiare: i semi di girasole si possono mangiare tostati, uniti a un insalata o altre verdure, oppure mescolati all’impasto per pane e prodotti da forno. Si possono mangiare anche al naturale, aggiungendoli magari a una miscela di cereali per la colazione. La dose consigliata è di massimo due cucchiai al giorno poichè, anche se rappresentano il seme oleoso con minor contenuto calorico dato da un bassissimo tenore di grassi, essi contengono tuttavia molte calorie, pari a 557 kcal per 100 gr.

Articoli Correlati
YARPP
Fioriture estive, il Girasole tuberoso

Fioriture estive, il Girasole tuberoso

Il Girasole tuberoso (nome botanico Helianthus tuberosus) è una pianta perenne appartenente alla famiglia delle Composite ed originaria del continente americano, molto diffusa anche alle nostre latitudini. Si tratta di […]

Significato dei fiori: il girasole

Significato dei fiori: il girasole

Se esiste un fiore in quanto a significato, considerabile multitasking, non vi è dubbio che esso sia il girasole.  E' estremamente semplice nella sua composizione e colorazione, e per questo […]

Le piante con proprietà febbrifughe

Le piante con proprietà febbrifughe

L’inverno è entrato nel vivo, portandosi dietro il solito carico di freddo. E con l’abbassamento delle temperature arrivano anche gli immancabili malanni di stagione, primo fra tutti l’influenza, caratterizzata da […]

Il girasole, curiosità e altri usi

Il girasole, curiosità e altri usi

Il girasole (Helianthus annus), in inglese sunflower, deve il proprio nome al curioso fenomeno botanico, noto come eliotropismo, che ne conduce i fiori e le foglie più giovani a ruotare […]

Il girasole, cure colturali

Il girasole, cure colturali

Il girasole (Helianthus annuus) è una pianta erbacea annuale appartenente alla famiglia delle Compositae. Poichè può raggiungere anche altezze notevoli (fino a 3 metri) è particolarmente adatta alla coltivazione in […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento