Agnocasto, coltivazione in vaso

di Valentina Commenta

La coltivazione in vaso dell’agnocasto è possibile? Sebbene si tratti di una pianta che dà il meglio di se in contesti più ampi come un giardino, non è corretto escludere la possibilità di uno sviluppo più “intimo”, soprattutto se si pone attenzione nel gestirlo.

LG-H815

L’agnocasto è un arbusto ornamentale appartenente alla famiglia delle Verbenaceae. Questa pianta rustica, conosciuta anche sotto il nome di falso pepe dà il meglio di se quando posta in una posizione molto soleggiata: motivazione per la quale sarebbe consigliato organizzarsi con la coltivazione in vaso in modo tale che la stessa possa godere il più possibile dei raggi de sole. Soprattutto se si vogliono ottenere fioriture importanti. La pianta di per se stessa non ha problema a sopravvivere a basse temperature fino a che è esposta alla giusta quantità di luce.

L’importante è assicurare all’agnocasto delle irrigazioni costanti che non portino ad un ristagno di acqua: questo potrebbe rivelarsi pericoloso per le radici. L’importante è regolarsi con lo stato del substrato, in modo di essere pronti ad annaffiare nel momento in cui il terriccio nel vaso risulti essere troppo asciutto. Per ciò che concerne la concimazione dell’agnocasto una fertilizzazione verso la fine dell’inverno utilizzando del concime granulare a lento rilascio potrebbe essere sufficiente. In alternativa si può usare dello stallatico maturo. Bonus importante: si tratta di una pianta resistente ad insetti e malattie.

Ancor più importante: il falso pepe cresce bene in terreni non troppo pesanti e compatti e la potatura dovrebbe avvenire  tra febbraio e marzo avendo cura di lasciare almeno 2 gemme su ogni ramo.

Photo Credit | Wikipedia

google-max-num-ads = "1">