Come coltivare lo zenzero: suggerimenti e tecniche

di Filomena D'Aniello

Zenzero: come si coltiva

Lo zenzero è una radice bulbosa di origine asiatica, per scopi alimentari e farmaceutici. I suoi numerosi benefici, hanno favorito la sua diffusione anche nel continente Europeo, sin dall’antichità. Lo zenzero è una pianta erbacea, cosi costituita: le sue radici, sono giallastre internamente e più scure sulla superficie esterna, nodose e grosse; le foglie sono appuntite e lanceolate, i fiori gialli e i frutti composti di capsule che inglobano il seme della pianta. Lo zenzero può essere coltivato sia in terra che in vaso.

 

E’ una pianta che predilige i climi tendenzialmente miti, infatti, i Paesi di maggiore produzione sono l’India e la Cina, da cui è stata importata e Italia, al Sud, dove le temperature sono più indicate per questo tipo di coltivazione. Lo zenzero non tollera una temperatura al di sotto dei quindici gradi. La coltivazione di questa pianta, va effettuata nel periodo che va dalla fine dell’estate fino alla primavera successiva, in serra, o in vaso.

 

Il terreno, deve necessariamente essere ben drenato, perché come la maggior parte delle piante, lo zenzero non tollera i ristagni. Inoltre, il terreno deve essere ricco di organico, e poco compatto. Questo, vale sia per la coltivazione in serra che in vaso; l’unica differenza è che nel secondo caso, le innaffiature dovranno essere più numerose e frequenti, anche perché la pianta necessita di una costante esposizione al sole.

 

In particolare per la coltivazione in vaso, sarà necessario prestare attenzione al terreno: è consigliabile, in primis, scegliere un vaso profondo, cosi da permettere alle radici di svilupparsi, sistemando sul fondo di quest’ultimo dell’argilla e del terreno; le radici andranno poi interrate e ricoperte con altro terreno. Una volta preparato il vaso, si dovrà esporre in una zona poco ventilata, che però sia ben illuminata. Le innaffiature dovranno essere frequenti, ma bisognerà prestare attenzione ai ristagni, che potrebbero far marcire la pianta. Il progressivo sviluppo della pianta, dovrà essere accompagnato dall’aggiunta di nuovo terreno.

 

Le radici andranno estratte dopo il primo ciclo, ovvero dopo otto mesi circa: prima andranno eliminate le foglie e poi andranno estratte le radici a mano. E’ molto importante proteggere la pianta dal freddo, ponendola in un luogo asciutto e pulito.

Lo zenzero ha diversi usi: il suo sapore è intenso e pizzicato, sia con il dolce che con il salato. Particolarmente indicato nella preparazione dei biscotti, dei gelati e dei liquori, ma anche per alcune salse; è usato anche per insaporire diversi piatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.