Semi di quinoa: benefici, proprietà e produzione

di Filomena D'Aniello

Benefici dei semi di quinoa

I semi di quinoa, originano da una pianta sudamericana: essi, hanno un valore nutrizionale completo, ricchi di fibre, vitamine, proteine e minerali. Proprio grazie al suo valore nutrizionale, i semi di quinoa, sono particolarmente indicati per le diete, cosi come i cereali, con i quali hanno in comune un grande valore nutrizionale; la quinoa, ha un elevato potere saziante, ed è inoltre povera di grassi e senza glutine, per cui, è da considerarsi come un alimento che in linea generale, ha tutte le proprietà benefiche necessarie per l’organismo.

 

I benefici di questo alimento, sono numerosissimi: sono privi di glutine, per cui i semi di questa pianta, sono particolarmente indicati per chi è affetto da celiachia, e anche per diverse tipologie di intolleranza. Nei semi di quinoa, sono presenti diversi gruppi di vitamine, ed in particolare, quelle del gruppo B e del gruppo E: in particolare quelle appartenenti al secondo gruppo, rivestono un ruolo importantissimo, in quanto, sono ricche di antiossidanti, che combattono i radicali liberi, rallentando cosi l’invecchiamento cellulare; inoltre, le vitamine e i minerali, aiutano a regolarizzare il funzionamento tiroideo, mentre i minerali, come il calcio e il fosforo, potenziano il tessuto osseo.

 

I semi di quinoa, sono paragonabili ai cereali per l’importante valore nutrizionale, ma allo stesso tempo, sono da considerarsi completamente differenti da questi ultimi, e di contro, associabili alle barbabietole, agli spinaci e all’amaranto, non solo per valore nutrizionale, ma per tipologia e appartenenza.

 

La pianta di quinoa, è tipica del Sud America: in quelle zone, il clima, il terreno e diversi altri fattori, ne favoriscono la coltivazione, che è di contro, molto più complessa in altri territori. E’ una pianta questa, che produce dei semi estremamente benefici, che hanno un valore nutrizionale molto alto, che però necessita di uno specifico clima e di un certo ambiente per essere coltivata: essa è coltivata con estreme difficoltà nei territori dell’America del Nord, e allo stesso modo in Europa, dove a causa delle temperatura elevate, in particolare in Italia, suddetta pianta, diventa difficilmente coltivabile.

 

I semi di quinoa, vengono raccolti solitamente tra la primavera e l’estate, -a seconda della varietà e della qualità-; la pianta necessita di un clima tendenzialmente fresco, con temperature non eccessivamente elevate. E’ una pianta, questa, che può essere soggetta all’attacco di agenti parassitari, come afidi e cimici.

In cucina, i semi di quinoa possono essere utilizzati in diversi piatti, in particolare nelle insalate, ma anche in accompagnamento ad altre tipologie di pietanze. Possono essere consumate anche le foglie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.