6 colture salutari da piantare nell’orto

Spread the love

L’orto può essere non solo il luogo dove coltiviamo i nostri ortaggi preferiti stagionali ma anche quello nel quale possiamo dedicarci alla nostra salute. Vediamo insieme quali sono le 6  colture più salutari alle quali dovremmo dare spazio.

bacche di goji

 

Bacche di Goji

Sono un alimento considerabile “nuovo” nella nostra dieta. Crescono spontaneamente in Asia ed il loro contenuto di antiossidanti e nutrienti le rende perfette per la nostra salute: rafforzano il sistema immunitario e migliorano la salute sessuale. Non sono difficilissime da coltivare ed i loro semi possono essere acquistate in un vivaio se non li si vuole ottenere dalle bacche.

Aglio

L’aglio è per eccellenza un medicinale naturale: ipertensione, raffreddore, parassiti. Aiuta a curare un po’ tutto. Ed è molto facile da coltivare, anche in vaso. Provate a piantare un bulbo o uno spicchio di aglio nel terreno: sarà anche utile per tenere lontani i parassiti.

Curcuma

Si trova abbastanza facilmente nei vivai. Sebbene nell’orto la pianteremo per utilizzarla direttamente in cucina, essa viene di solito commercializzata come pianta ornamentale. Importante: basta interrare le radici fresche per ottenere poi una pianta.

Zafferano

E’ l’antiossidante più potente presente in natura. Non è difficilissimo da coltivare e potete dedicarvi a lui anche se avete creato un orto sul balcone. Nel centro Italia è una coltivazione diffusa. Potrete godere delle sue proprietà subito dopo esservi goduti la sua fioritura.

Zenzero

Lo zenzero è una delle tuberose più facili da coltivare in casa. Si può utilizzare un vaso, un sacco, qualsiasi cosa. E’ una erbacea di origine orientale e per ottenerne una pianta propria basta utilizzare una radice fresca che abbia già germogliato perché lasciata alla luce.

Topinambur

Si coltiva esattamente come si coltivano patate e zenzero. Il topinambur necessita di tanto sole e poca irrigazione. Basta interrarli nel periodo tra gennaio e marzo per ottenere altre piante. E per chi non lo sapesse, questi “frutti della terra” pieni di vitamina A e potassio sono mangiabili anche crudi.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento