Dipladenia, messa a dimora e moltiplicazione

di Valentina

La dipladenia è una delle piante rampicanti più colorate ed interessanti che possono essere usate per decorare uno spazio verde o un balcone. Vediamo insieme come gestire la sua messa a dimora e la sua moltiplicazione.

Le dipladenia o mandevilla necessitano di alcune attenzioni specifiche che devono essere date loro per assicurare uno sviluppo rigoglioso e sano: nessuna paura, niente di impossibile.

Messa a dimora della dipladenia

Quando si prende in considerazione la messa a dimora di questa pianta non bisogna dimenticare che l’esposizione della stessa è importante. Ecco quindi che è necessario ricordare come questi esemplari prediligano generalmente posizioni molto luminose ma non risentono di una collocazione a mezz’ombra. Il loro non temere il caldo estivo le rende perfette per i balconi assolati di città, anche se vi è bisogno di avere cura particolare della dipladenia in inverno quando la possibilità di gelate di fa alta.

Per ciò che concerne la messa a dimora dal suo punto di vista più tecnico è necessario favorire l’impianto in un substrato il più possibile drenato al fine di non incorrere in spiacevoli marciumi causati da ristagni idrici che la mandevilla mal sopporta. Il terreno deve essere ben fertilizzato: è necessario preparalo con almeno una settimana di anticipo immettendo nello stesso preferibilmente concime organico.

La moltiplicazione della dipladenia

Sebbene trovare i semi di questa pianta non sia facilissimo, il suo metodo di moltiplicazione più semplice è proprio quella derivante dalla semina. Si può però moltiplicare anche per talea, prelevando con la stagione calda,  in primavera o in estate preleviamo dei rametti apicali da quelli che non hanno prodotto fiori.

Photo Credits | Manfred Ruckszio / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.