Fioriture estive: Caryopteris

di Redazione

Caryopteris

Fioritura: da luglio ad ottobre
Impianto: in aprile-maggio
Tipo di pianta: arbustiva perenne
Altezza max: un metro

Il Caryopteris è una pianta appartenente alla famiglia delle Verbenacee ed originaria dell’Asia centrale. Si presenta in forma arbustiva, con foglie dal colore grigio-verde, ovali e lanceolate ricoperte di peluria. La particolarità del fogliame è data dalla capacità di sprigionare un intenso profumo nel momento del contatto con le mani.

I fiori sono molto piccoli, di colore violetto o bianco a seconda della specie e fanno la propria comparsa nel mese di luglio, rallegrando poi l’ambiente circostante fino ai primi freddi autunnali. Solitamente i Caryopteris vengono coltivati in esterno, nella decorazione di aiuole o giardini rocciosi, ma sono anche particolarmente ricercati come fiori recisi nella composizione di bouquet.

Esposizione. I Caryopteris hanno bisogno di essere collocati in pieno sole o in una zona semi-ombreggiata, dove possano ricevere il sole diretto per alcune ore della giornata. Generalmente sopportano le basse temperature, ma nella stagione più fredda dell’anno è opportuno intervenire con una pacciamatura alla base della pianta, affinché possa superare indenne le gelate più intense.

Terreno. Il terreno ideale è quello sciolto e ben drenato, mentre quello eccessivamente umido tende a rovinare l’apparato radicale.

Innaffiature. Nella stagione vegetativa è bene innaffiare i Caryopteris di tanto in tanto, specie nei periodi di prolungata siccità. Nel resto dell’anno la pianta tende ad accontentarsi dell’acqua piovana, provvedendo da sola al proprio fabbisogno idrico.

Avversità. Di solito non viene attaccata da parassiti o malattie, ma teme in modo particolare i marciumi radicali, causati da ristagni idrici o da un ambiente eccessivamente umido.

Concimazione. Per ottenere una fioritura più abbondante si consiglia di fornire alla pianta del fertilizzante a lenta cessione nel periodo primaverile.

Moltiplicazione. Si moltiplica per semina in febbraio-marzo, lasciando che le piantine abbiano il tempo di crescere in un luogo caldo e riparato prima della messa a dimora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.