Infiorescenza

di Marion

Infiorescenza

Con il termine infiorescenza si fa riferimento alla disposizione ravvicinata di un numero variabile di fiori; talvolta appare come un fiore singolo. Di solito le infiorescenze sono accompagnate da brattee, foglie modificate che hanno la funzione di proteggerle dal freddo e/o di attrarre gli insetti impollinatori. Si distinguono:

  • infiorescenze a grappolo o racemo semplice: porta delle brattee disposte ad intervalli sull’asse dalla cui ascella sorge un peduncolo che porta un fiore;
  • corimbo: infiorescenza a grappolo in cui i peduncoli si fanno sempre più corti man mano che si avvicinano all’apice dell’infiorescenza;
  • infiorescenza a spiga: i fiori sorgono direttamente sull’asse e non presentano peduncolo;
  • infiorescenza a ombrella: i peduncoli si dipartono tutti dallo stesso punto sull’apice dell’asse;
  • capolino: l’infiorescenza a capolino è tipica delle piante appartenenti alla famiglia delle Asteraceae, i singoli fiori sorgono compatti e ravvicinati su una porzione di asse detta ricettacolo;
  • infiorescenza a pannocchia o tirso: è un’infiorescenza a grappolo in cui i fiori sono portati da peduncoli ramificati.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.