Marzo, è tempo di moltiplicare il Brugo

di Gioia Bò

Finalmente ci siamo: dopo il lungo inverno, sta per arrivare la bella stagione, per la gioia degli amanti del giardinaggio, che finalmente possono dedicarsi alla cura del proprio reame all’aperto.

Di lavori da fare ce ne sono parecchi, tra rinvasi, semine e concimazioni varie, senza dimenticare che questo è il periodo migliore per la propagazione di alcune piante. Una di queste è il Brugo (Calluna vulgaris), pianta arbustiva che contribuirà a rallegrare i nostri giardini in estate ed in autunno.

Si tratta di una pianta appartenente alla famiglia delle Ericacee ed originaria dell’Europa, particolarmente apprezzata per la decorazione di bordure ed aiuole, ma anche per la coltivazione in vaso.

Il Brugo è caratterizzato da fiori relativamente piccoli, riuniti in grappoli o solitari, dal colore violetto (a volte bianco), e da foglie grigiastre o verdi, aghiformi e alterne. Allo stato spontaneo cresce sia nelle zone pianeggianti che in quelle montane, dove rappresenta un ottimo nutrimento per cervi e pecore, specie nel periodo invernale, quando molte altre piante sono ricoperte dalla neve.

Come detto in precedenza, il Brugo può anche essere coltivato nel proprio giardino, esponendolo preferibilmente in pieno sole su un terreno poco calcareo. La temperatura non è di grande importanza ai fini della coltivazione, essendo una pianta che si adatta sia al caldo afoso dell’estate che al freddo intenso del periodo invernale.

Le irrigazioni devono essere regolari, specie nella stagione calda, avendo l’accortezza di mantenere il terreno umido tra un dosaggio di acqua e l’altro. Nel periodo del riposo vegetativo, invece, è opportuno diminuire la frequenza delle irrigazioni, intervenendo solo nel caso di evidente sofferenza della pianta.

Se volete ottenere dei bei cespugli di qui a qualche mese, è proprio questo il momento di provvedere alla moltiplicazione tramite talea, tagliando dei piccoli rami (4-5 centimetri) e mettendoli a radicare in un composto di sabbia e torba.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.