Orchidea Cephalanthera, cure e coltivazione

di gianni puglisi

Al genere Cephalanthera appartengono circa dodici orchidee terricole, originarie dell’Europa; esistono anche alcune specie asiatiche e una americana ma, in generale, sono proprie del Vecchio Continente. Le orchidee Cephalanthera vengono coltivate anche in Italia, ma non solo: alcune specie si trovano alla stato selvatico nei castagneti o nei boschi di faggi.

L’orchidea Cephalanthera si caratterizza per i lunghi rizomi striscianti dai quali spuntano dei fusti eretti che portano una rosetta di foglie alla base e foglie alternate lungo il fusto di colore verde brillante e, a seconda della specie, di forma nastriforme, ovale o lanceolata. Alla fine della primavera o all’inizio dell’estate, all’apice dei fusti, compaiono dei fiori abbastanza grandi di colore bianco, crema o rosato, anche se ci sono delle specie in grado di produrre dei fiori color porpora.

 

[Foto]

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.