L’Orchidea Phragmipedium

di gianni puglisi

Al genere Phragmipedium appartengono circa 30 specie di orchidee terrestri, litofite e a volte anche epifite originarie dell’America centrale e meridionale, divisibili in due gruppi e molto spesso confuse con le orchidee che appartengono al genere Paphiopedilum. Queste piante sono rare in commercio, sia perché sono piuttosto difficili da coltivare, sia perché sono inserire nella lista delle specie a rischio di estinzione; comunque, di queste orchidee esistono molti ibridi più diffusi e più semplici da coltivare.

Come dicevamo, al primo gruppo di Phragmipedium appartengono specie con fiori piccoli ma molto colorati e con sepali e petali molto simili tra loro; il secondo gruppo comprende tutte le specie che hanno i sepali più lunghi dei petali e con colori che vanno dal giallo al marrone e dal rosso al rosa.

La fioritura delle orchidee appartenente al genere Phragmipedium avviene, a seconda della specie, da metà inverno fino alla fine dell’estate o da primavera alla fine dell’inverno; una particolarità di questa pianta è che la fioritura diventa più importante e duratura via via che l’esemplare diventa adulto.

 

Photo Credit: Thinkstock