Palma di Betel, dalle sue foglie un estratto benefico contro la leucemia

di gianni puglisi

Oggi parleremo di una pianta dalle importanti proprietà benefiche: si tratta dell’Areca catechu, meglio conosciuta come Palma di Betel, una pianta appartenente alla famiglia delle Arecaceae originaria dell’Isola di Ceylon e della Malesia, ma che viene coltivata in tutto il sud est asiatico e in Africa centro-orientale.

La Palma di Betel si caratterizza per il lungo fusto rigato e per le foglie, anch’esse lunghe, di colore verde inteso, suddivise in numerose foglioline; in natura produce diversi fiori bianchi e frutti tondeggianti che contengono i semi conosciuti con il nome di noci di Betel; la Palma di Betel può essere coltivata anche in vaso, ma fiorisce solo in natura.

Secondo un recente studio condotto dai ricercatori dell’Indian Institute of Chemical Biology (IICB), l’Institute of Haematology and Transfusion Medicine, Kolkata, and Piramal Life Sciences di Mumbai in India, le foglie della Palma di Betel contengono un principio attivo in grado di combattere la leucemia mieloide cronica, una forma di cancro del midollo osseo, anche se per avere dei dati precisi e sicuri bisognerà attendere gli sviluppi di ulteriori analisi.

Gli esperti che hanno condotto lo studio hanno così spiegato la loro scoperta:

Abbiamo condotto uno studio e osservato che l’hydroxychavicol composto è il componente principale dell’estratto alcolico delle foglie di betel,e che questo potrebbe contribuire, almeno in parte, all’osservata attività anti-CML dell’estratto di foglie.

In ogni caso, in attesa di ulteriori studi, può essere interessante sapere che la Palma di Betel è molto usata anche a scopo alimentare: i suoi semi vengono usati nelle regioni dell’Asia tropicale per essere masticati, secondo un’antica tradizione molto diffusa. I semi di questa pianta, che vengono chiamati noci di Betel, contengono sostanze grasse, alcaloidi e tannini che conferiscono loro un tipico colore rosso denominato “rosso areca”.

I semi vengono masticati dopo i pasti in quanto stimolano l’attività salivaria e la digestione, ma pare che possiedono anche un’azione cardiotonica, astringente e vermifuga. Infine, le noci di Betel vengono anche triturate e mescolate al tabacco per ottenere delle speciali sigarette.

 

[Foto]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.