I parassiti delle fragole

di Valentina

Spread the love

Quali sono i principali parassiti delle fragole? Queste piantine in grado di produrre frutti succosi e graditi devono combattere costantemente contro un numero molto ampio di insetti capaci di rovinare la loro produzione. Conosciamoli meglio.

Afidi della fragola

Gli afidi della fragola, siano essi setolosi o di altre varietà, rappresentano il pericolo più grande per queste piante. Questo dipende dalla capacità di attacco che possiedono nei confronti di questo esemplare. Non è facilissimo eliminare le colonie una volta che hanno preso possesso dalla pianta. E non vi è solo la semplice azione fitofaga a creare danni: la produzione di secrezioni ed il conseguente indebolimento della pianta di fragola sono delle condizioni da evitare assolutamente.

Sputacchina

Anche la sputacchina con il suo involucro protettivo di schiuma è uno dei parassiti che è necessario combattere efficacemente: le sue larve sono in grado di creare danni notevoli sui frutti rendendoli immangiabili e rovinando di conseguenza il raccolto.

Zanzarone degli orti

Lo zanzarone degli orti o tipula potrà non rappresentare un problema per l’essere umano, ma è uno dei nemici giurati delle coltivazioni di fragole. Le larve, caratterizzate tra l’altro da un cattivo odore, si cibano di radichette e germogli nonché dei frutti che toccano terra.

Nottua

Diverse tipologie di nottua risultano pericolose per la fragola. Le larve  si nutrono infatti delle sue foglie andando sempre più in profondità e mettendo a repentaglio soprattutto la vita delle piante più giovani e messe a dimora nei mesi estivi. E’ l’indebolimento dell’esemplare in questo caso ad essere particolarmente pericoloso.

Photo Credits | yuris / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.