Piante da appartamento: consigli utili per la coltivazione

di Redazione

L’inverno bussa prepotentemente alla porta e non c’è periodo migliore di questo per dedicarsi in maniera costante alle nostre care piante d’appartamento, quelle che rallegrano l’ambiente nel periodo più freddo e triste dell’anno.

E allora ecco qualche consiglio per una buona riuscita nella coltivazione, tenendo conto comunque che non tutte le piante hanno le medesime esigenze e che è opportuno consultare le varie schede di presentazione prima di avventurarsi nella cura del nostro giardino interno.

Ci sono tuttavia delle regole ben precise da tenere a mente qualunque sia la pianta che abita il nostro salotto o la mensola della cucina, ed è proprio a questo argomento che dedichiamo la nostra attenzione in queste poche righe. Cominciamo allora dalla collocazione: dove piazzare la nostra pianticella affinché cresca forte e rigogliosa? Tenendo conto che le piante per sopravvivere hanno bisogno di luce, la collocazione ideale è in prossimità di finestre e vetrate, facendo in modo che il sole non le baci in modo diretto, perché il vetro, fungendo da lente, creerebbe delle fastidiose bruciature sulle foglie.

E’ importante poi non spostare frequentemente il vaso, se non per le operazioni di pulizia, poiché la pianta fatica ad adattarsi ad una nuova collocazione e reagisce in maniera negativa ai cambiamenti. Ricordiamo che la pianta non è un soprammobile, ma un essere vivente che ha bisogno dei suoi spazi e del suo habitat per crescere nel migliore dei modi.

E passiamo all’innaffiatura. Di quanta acqua ha bisogno la nostra pianta da appartamento? E’ chiaro che ogni specie ha i suoi bisogni, ma in linea di massima si può consigliare un’irrigazione più frequente nel periodo caldo e più diradata in inverno, nebulizzando la chioma in presenza di clima secco. Un altro consiglio che possiamo dare è quello di usare acqua a temperatura ambiente, preferibilmente piovana o minerale.

Molto importante è poi la concimazione, da effettuarsi con fertilizzante liquido (più facile da dosare) o con materiale organico. Per concludere il vademecum, ricordiamo che le piante d’appartamento vanno rinvasate ogni qualvolta il contenitore diventa troppo piccolo per la loro crescita regolare. In primavera, dunque, armatevi di tanta pazienza e regalate una nuova casa alle vostre care piante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.