Le rose dei pittori

di gianni puglisi

Le rose screziate sono molto diffuse ed apprezzate in Francia e in Inghilterra, mentre da noi sono ancora poco conosciute se non nel mondo degli appassionati; queste rose sono caratterizzate dal colore variegato dei petali, i quali cambiano tonalità con il passare del tempo.

La capostipite delle rose screziate è la Rosa Gallica “versicolor”; la rosa gallica è una delle rose selvatiche più diffuse , la cui varietàversicolor” si caratterizza per i fiori del diametro di circa sei centimetri, che spuntano in abbondanza una sola volta all’anno, e si diversifica dalla rosa madre solo per le striature rosa chiaro dei petali.

Tra le più famose rose screziate ci sono le cosiddette rose dei pittori, create dal vivaio francese Delbard; la varietà di rosa screziata che ha dato origine al gruppo di rose dei pittori, o Roses des Peintres in lingua originale, è la Henry Matisse. Queste rose sono caratterizzate dai profondi contrasti di colori che possono cambiare durante la vita del fiore, dal bocciolo all’apertura completa; le piante hanno un portamento cespuglioso e possono raggiungere il metro d’altezza.

Le rose dei pittori

Henry Matisse. È la capostipite delle rose dei pittori, ed è caratterizzata dai petali color crema screziati di rosa tenue.

Maurice Utrillo. Ha i fiori grandi e molto profumati e dai colori accessi: fondo rosso listato di giallo con screziature rosa.

Paul Gauguin. Possiede i fiori color arancio con sfumature corallo e striature gialle.

Edgar Degas. I petali di questa varietà sono chiazzati di rosa e bianco con il cuore giallo, ed emettono una profumazione agrumata.

Paul Cézanne. Quando sono in boccio, i petali di questa rosa sono gialli, poi, via via che si apre, acquista striature bianche, ocra e arancio.

Rose des Cisterciens. È caratterizzata da fiori grandi e doppi di colore giallo chiaro con sfumate di rosa antico.

Grimaldi. Questa rosa combina i colori ogni volta in modo diverso; possiede foglie di colore verde scuro e i fiori emettono un profumo delicato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.