Concorso internazionale delle nuove rose: vincono le francesi

Spread the love

concorso internazionale nuove rose vincono francesiNel roseto di Roma si è tenuto in questi giorni il Concorso Internazionale delle Nuove Rose “Premio Roma”. Si tratta di una delle rassegne floreali più gradevoli del mese di maggio che vedono questo particolare fiore amato da tutti come protagonista indiscusso. Quest’anno sono state ben 97 le varietà di rosa presentatesi in gara, in rappresentanza di dieci paesi e venticinque ibridatori.

La Francia ha in sostanza sbaragliato tutti i concorrenti, lasciando agli italiani solo il premio per la migliore rosa strisciante. Come accade sempre in questa tipologia di competizioni, erano diverse le categorie nelle quali le rose potevano partecipare. Un esempio? Le rose da taglio (HT), le rose a mazzi (floribunde), le rose paesaggistiche (arbustive da parco), le rose rampicanti (sarmentose), e le rose striscianti (coprisuolo),  e le rose profumate.

Lo spettacolo, per chi è potuto essere presente, è stata straordinario. E le francesi effettivamente hanno davvero dimostrato l’eccellenza in ogni campo. Tra le vittorie più importanti di categoria non è mancata quella per la varietà profumata, con una rosa magenta a grandi coppe multipetalo. Il suo profumo, penetrante e delicato al contempo è stato con cognizione di causa giudicato il migliore tra quello della partecipanti di classe.

I cugini d’oltralpe, con i loro ibridi, hanno dimostrato di essere superiori anche nella categoria delle rose da taglio ed in quella della rose a mazzi, dove l’esemplare partecipante e vincente era caratterizzato da corolle tonde e perfette ed una forma del fiore davvero particolare. E se noi ce la siamo cavata vincendo la medaglia d’oro come migliore rosa decombente grazie ad un bellissimo cespuglio ricoperto di semplici rose dal colore rosa intenso, una buona vincita è stata archiviata anche dalla Germania e dalla Danimarca rispettivamente nelle classi delle rose paesaggistiche  e rampicanti.

Va ammessa però una cosa: molti esemplari davvero eclettici nell’aspetto non sono riusciti a classificarsi adeguatamente. Un vero peccato!

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento