Semina cactus: stratificazione, scarificazione e acidificazione

di Valentina

Seminare i cactus può essere fonte di molta soddisfazione, anche se non è sempre facile gestirne le cure. In tal senso, vediamo come “facilitare” il nostro lavoro attraverso la stratificazione, la scarificazione e l’acidificazione dei semi.

Queste operazioni sono essenzialmente condotte per impedire la dormienza dei semi, tipica di alcune tipologie degli stessi e per favorirne la germinabilità soprattutto per le piante da freddo. Vediamo ora queste pratiche nello specifico.

Stratificazione

E’ la pratica con la quale vengono sottoposti i semi ad una sorta di inverno “artificiale” mettendoli letteralmente nel frigo per due mesi ad una temperatura compresa tra 1°e 4° C dopo averli inumiditi. Un altro metodo di stratificazione delle sementi, più naturale, è quello di seminare i cactus direttamente in autunno all’esterno, aspettando con pazienza la germinazione che avvierà in primavera.

Scarificazione

Con questo termine viene riconosciuta la tecnica di germinazione che sfrutta l’umidità. Essa viene fatta penetrare con metodi differenti all’interno del seme per dare modo allo stesso di iniziare il suo processo di germinazione. I semi caratterizzati da tegumento duro dovranno essere ammorbiditi per un paio di giorni in acqua o aceto caldo. In questo caso bisogna controllarne il rigonfiamento per comprendere se sono arrivati al punto giusto.

Più difficile l’intervento con l’acido solforico e vi consigliamo di non utilizzarlo a meno che non siate esperti: anche se l’immersione dura pochi minuti e il lavaggio dei semi è subito seguente, bisogna essere in grado di saper maneggiare le sementi per poterci provare. In alternativa potete bucare i semi con un ago, con una lima o con del tessuto abrasivo. L’incisione, dovrà avvenire in un punto lontano dall’ilo, fino a scoprire lievemente l’embrione.

Acidificazione

E’ il sistema che consente di interrompere la dormienza con del semplice succo di limone misto ad acqua. E’ forse il più semplice da condurre ed è quello più alla portata di tutti.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.