Significato dei fiori: la primula

di Valentina

Quest’oggi, esplorando il significato dei fiori, concentreremo la nostra attenzione sulla primula. Parliamo di un fiore primaverile, quello che la primavera la rappresenta per eccellenza essendo uno dei primi a presentarsi a marzo quando la temperatura si fa più mite e l’erba ricomincia a crescere fresca e rigogliosa dopo una gelata.  Si tratta, ed è una nota di colore, del primo fiore che con l’arrivo della stagione mite affollando i vivai.

Tra i suoi significati, quello popolare è forse il più scontato. Per il suo presentarsi appena la primavera fa capolino, la primula è considerata simbolo di rinascita e rinnovamento.

La primula è un’erbacea molto popolare in italia, in grado di creare dei veri e propri “cuscini” sul terreno, pieni di fiorellini semplici e molto delicati. Si tratta di un fiore i quali petali presentano una ampia varietà cromatica. Va ricordato che si tratta di una pianta che non ama particolarmente i terreni asciutti e che quindi ha bisogno di un substrato ben drenato ed umido e di una irrigazione frequente.  Se volete piantarle, il suggerimento è quello di farlo in autunno in un luogo comprendente dell’ombra. E non preoccupatevi del gelo, sono molto resistenti.

La primula ha diversi significati: uno dei più comuni, rappresentato tra l’altro da una leggenda davvero pittoresca, è quello di una tenera amicizia o del primo amore. Si tratta di un fiore primaverile davvero adeguato per un regalo all’amica più cara. E quasi sempre viene legato al concetto di giovinezza.  Una leggenda vuole che un anno di tanti e tanti anni fa vi fosse stato un inverno particolarmente rigido e lungo. Gli animali aspettavano la primavera come un assetato un bicchiere d’acqua.

Ma l’inverno, diventato “vecchio e sordo” non sentiva più e quindi non voleva andarsene, anzi offesosi mandò ancora più freddo e chiese alla tempesta di spingere la primavera dentro una grotta appena la stessa fosse arrivata. Questo puntualmente accadde ed allora gli animali si rivolsero al sole per liberarla. Le primule spuntarono lungo tutto il suo tragitto. Il sole chiese agli animali di prenderle e di piantarle nella grotta. Il calore e la bellezza dei fiori liberarono la primavera dalla morsa del gelo.

zp8497586rq

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.