Tre giorni per il giardino a Torino dal 29 aprile

di Valentina

La manifestazione “Tre giorni per il Giardino” torna al Castello di Masino a Caravino (TO) dal prossimo 29 aprile. Si tratta di un’occasione unica per la mostra mercato della Fai, il Fondo Ambiente Italiano: essa festeggia infatti i 25 anni di esistenza.

Ancora una volta sotto la guida dell’architetto Paolo Pejrone, il fondatore e presidente dell’Accademia Piemontese del Giardino, l’appuntamento di tre giorni previsto nel torinese porterà l’Italia ad essere riconosciuta all’estero. La “Tre giorni per il Giardino” è infatti nota nel settore per essere uno dei più completi e notabili eventi florovivaistici a livello internazionale. E la differenza tra la prima edizione e quella che ci apprestiamo a vedere schiudersi davanti a noi è incredibile: nel suo primo anno di attività parteciparono 30 espositori. Nel 2016 saranno più di 160 tra italiani e stranieri, accuratamente selezionati per riempire il parco secolare del Castello di Masino.

Cosa ci aspetta una volta giunti alla mostra? Profumi e colori primaverili e delle vere chicche da inserire nel nostro orto e nel nostro giardino: fiori e alberi, arbusti per terrazzi e da piantare in piena terra. Ed ancora bacche, erbe aromatiche e medicinali. Non mancherà poi uno spazio dedicato alle piante acquatiche, ai cactus ed alle piante succulente: insomma, la flora sarà rappresentata nella sua intera completezza.

La mostra mercato offrirà anche arredamento per il giardino, sementi rare e sculture: nulla viene lasciato al caso. Una delle attrazioni più interessanti è la fioritura del “Giardino delle Nuvole” uno spazio composto da 7.000 piante di  Spireae Van Houttey donate al FAI da Fondazione Zegna e messe a dimora dieci anni fa.

Photo Credit | FAI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.