Xylella, nuovo piano: eliminare solo ulivi infetti

di Valentina

Il nuovo piano contro la Xylella Fastidiosa sembra essere meno pesante per gli agricoltori rispetto a quelli utilizzati nella zona nei mesi precedenti: secondo il documento messo in atto dalla Regione Puglia dovranno essere eliminati solo gli alberi infetti.

Il piano per il contenimento dell’infezione da Xylella Fastidiosa continua a prevedere quindi l’abbattimento degli alberi d’ulivo infetti, ma quelli che si trovano nel raggio di 100 metri dovranno solamente essere potati immediatamente. La novità più grande riguarda gli ulivi secolari: per loro nessun intervento. Come spiega il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ai media:

Le nostre scelte tendono ad accogliere le istanze arrivate dai coltivatori e dalle associazioni che vogliono tutelare gli ulivi, e mirano a proteggere l’ambiente e gli ulivi secolari. Per fermare l’insetto vettore, responsabile dell’espansione della malattia, la cosa più importante adesso che è cominciata la stagione primaverile è che tutti gli agricoltori immediatamente, provvedano alle buone pratiche agronomiche indicate dal provvedimento, come lo sfalcio delle erbe, le potature e le arature necessarie.

E su questo punto non si può che essere d’accordo: una buona manutenzione degli uliveti è basilare per poter evitare l’infezione. Funziona un po’ come il nostro sistema immunitario: se lo stesso è più forte, anche il nostro corpo è maggiormente protetto. E funziona così anche per le piante: se queste vengono curate è più facile che riescano a non rimanere infettate. La risposta degli agricoltori, siamo sicuri, sarà migliore rispetto a quella ottenuta per i primi piani messi in atto contro la Xylella Fastidiosa.

Photo Credits | adamico / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.