Xylella, pronto il nuovo piano per gli ulivi

di Valentina

Il nuovo piano per affrontare l’emergenza Xylella è pronto. E’ questo che ha fatto sapere nel fine settimana, Giuseppe Silletti. Il commissario è da tempo ormai impegnato nel trovare una soluzione che possa mettere d’accordo tutte le parti coinvolte.

La verità è che la situazione nella quale la Regione Puglia si trova non è tra le più facili da affrontare: per difendere una provincia dalla xylella fastidiosa si rischia di rovinarne un’altra, portandola al collasso dal punto di vista ambientale e commerciale. Il commissario ha detto di essere “in attesa del decreto ministeriale che deve recepire la decisione europea pubblicata lo scorso 22 maggio e già immediatamente esecutiva”. Parole che non rincuorano visto che l’Europa ha richiesto senza possibilità di trattazione che gli alberi di ulivo contaminati di xylella e quelli a 100 metri dagli stessi vengano eradicati.

Su questo punto Giuseppe Silletti è chiaro: lui è un pubblico ufficiale tenuto a far rispettare le decisioni prese. Al momento nel nuovo piano la zona di Lecce rimane esente dalle eradicazioni di massa e verrà considerata solamente infetta con l’attuazione di interventi atti a contenere la xylella, sebbene secondo l’Europa sarebbe necessario eradicare. Questo raccontano le indiscrezioni stampa e per zona coinvolta bisogna sperare che sia davvero così. Differente la situazione ad Oria dove non solo verranno eliminati gli alberi di ulivo infetti ma anche quelli posti in un raggio di 100 metri dagli stessi che rappresentano un pericolo in quanto potenziali ospiti come oleandri ed alcuni alberi da frutto.

Abbiamo l’impressione che le polemiche non si sederanno con la sua attuazione.

Photo Credits | Aerostato / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.