La Digitale, il ditale della Madonna

 
Roberta
13 ottobre 2009
Commenta

Digitale La Digitale, il ditale della Madonna

L’origine del nome di queste piante è molto semplice e si riferisce alla forma del loro fiore del tutto simile a un digitus, ossia a un ditale. Nota sin dall’antichità, tanto da essere citata dal poeta Ovidio nelle « Metamorfosi », la digitale è nota per le sue proprietà medicinali, valide soprattutto nelle malattie di cuore, ma non bisogna dimenticare che questa pianta è inclusa fra le specie velenose e quindi deve esser usata solo su prescrizione medica.

Comunemente, essa è nota anche come « ditale della Madonna » o « cornucopia ».

Inutile dire che le stupende infiorescenze della digitale ne fanno una delle piante più apprezzate per la decorazione del giardino e del balcone, purché in vasi abbastanza profondi.

In genere, le digitali stanno bene in gruppo, al centro del tappeto verde, ma si dimostrano altrettanto decorative se disposte in bordure o raggruppate a semicerchio alle spalle di una antica statua. I fiori recisi durano a lungo, ma bisogna avere l’accorteza di raccogliere gli steli quando non tutte le corolle sono ancora aperte, ma già si sono schiusi i primi fiori in basso.

Questa bellissima pianta, dalla fioritura appariscente e prolungata, non sopporta l’eccesso di umidità; basta annaffiarla due volte alla settimana, nella dose di 2 litri di acqua per volta, tanto più che essa vive bene solo a mezz’ombra o anche in ombra assoluta, purché la luminosità sia intensa e la temperatura elevata.

La concimazione si deve eseguire in autunno con fertilizzante di tipo organico e si completa in primavera, irrorando il fogliame ogni 10 giorni con acqua e stimolante ormonico. Queste irrorazioni debbono continuare fino alla apparizione delle spighe coperte di boccioli.

Dopo la fioritura è bene tagliare subito la spiga appassita, per provocare la formazione di altri germogli e di altre infiorescenze, magari meno vistose della prima, ma altrettanto ricche di colore.

Dopo il taglio della prima spiga fiorifera, per affrettare la nascita di altri steli portatori di corolle, è bene irrorare le piante con stimolante ormonico. È opportuno tener presente che la digitale è pianta calcifuga e pertanto desidera terreno acido.

google-max-num-ads = "1">
Articoli Correlati
YARPP
Mimosa, fiore simbolo della Festa della donna

Mimosa, fiore simbolo della Festa della donna

L’Acacia dealbata, meglio conosciuta con il nome di Mimosa, è il fiore simbolo della Festa della donna sin dagli anni quaranta, allorché le femministe decisero di sceglierla come fiore identificativo […]

Lavori di gennaio, punto della situazione in giardino

Lavori di gennaio, punto della situazione in giardino

L’anno è appena iniziato, e con esso la necessità di fare il punto della situazione al fine di iniziare a mettere in atto tutto ciò che è necessario per preparare […]

La pianta della seta (Araujia sericofera)

La pianta della seta (Araujia sericofera)

Nota anche con il nome comune di pianta del kapok o pianta crudele, la pianta della seta (Araujia sericofera o sericifera) è una rampicante sempreverde appartenente alla famiglia delle Asclepiadaceae […]

Fiorangelo, ovvero il Gelsomino della Madonna

Fiorangelo, ovvero il Gelsomino della Madonna

Il Philadelphus, comunemente conosciuto come Fiorangelo o Gelsomino della Madonna, è un una pianta appartenente alla famiglia delle Sassifragacee, originaria dell’Europa, dell’Asia e dell’America del nord. Comprende circa 75 specie, […]

Araucaria: Pino del Cile o Albero della Scimmia

Araucaria: Pino del Cile o Albero della Scimmia

II nome scientifico di queste particolari piante rivela una storia abbastanza strana, che si riferisce al viaggio compiuto dal naturalista A. Menzies, nel 1792, in Cile. Durante questa spedizione, a […]

Lista Commenti