Mandarini, coltivazione

 
Marion
17 ottobre 2010
8 commenti

Come abbiamo già visto, sotto il nome di mandarino vanno sia i mandarini comuni che gli ibridi da questi derivati (mandarancio, tangeli, tangeri e così via). In linea di massima le indicazioni relative alle cure colturali, che troverete di seguito, sono valide per ciascuno di essi.

Come tutti gli agrumi anche il mandarino predilige i climi miti ed è questo il motivo per cui la sua coltivazione è particolarmente diffusa nel sud Italia; per aumentarne la resistenza al freddo è possibile però innestarli su piante di Poncirus trifogliata.

L’esposizione del mandarino deve essere soleggiata, al massimo in penombra e in ogni caso al riparo dai venti. Non tollera le temperature al di sotto dello 0. L’epoca di impianto consigliata è la fine dell’autunno o la primavera se la pianta è già stata coltivata in vaso.

A seconda delle varietà la raccolta dei mandarini va da ottobre (mandaranci) ad aprile (tardivo di Ciaculli).

Il mandarino

  • Fioritura: Primaverile
  • Impianto: Autunnale o primaverile se la pianta è già stata coltivata in vaso.
  • Tipo di pianta: Albero da frutto
  • Altezza max: 3-4 metri

Esposizione

L'esposizione del mandarino deve essere soleggiata o in penombra ma sempre al riparo dai venti.

Terreno

Il terreno ideale per la coltivazione del mandarino è sciolto, al massimo di medio impasto, fertile, profondo e ben drenato.

Innaffiatura

Il mandarino necessita di irrigazioni soprattutto durante l'estate, soprattutto in periodi particolarmente siccitosi. Durante l'inverno le innaffiature possono essere sospese.

Malattie e avversità

Il mandarino teme i marciumi radicali e può essere attaccato facilmente dalla cocciniglia. Tra gli altri suoi nemici troviamo il mal secco e la muffa verde.

Concimazione

E' opportuno concimare ogni tre mesi aggiungendo al terreno stallatico ben maturo.

Moltiplicazione

Come gli altri agrumi, anche il mandarino può essere moltiplicato per seme, per talea, per margotta o per innesto a gemma.

Articoli Correlati
YARPP
Ciliegio, la coltivazione

Ciliegio, la coltivazione

Come abbiamo visto, novembre è il mese giusto per procedere all’impianto del ciliegio. Vi abbiamo anche detto a quale distanza è opportuno piantare i diversi esemplari, a seconda che si […]

Mandarini, le varietà principali

Mandarini, le varietà principali

Il mandarino (Citrus reticulata) è un albero da frutto appartenente al genere citrus della famiglia delle Rutaceae. Con lo stesso nome si indicano i suoi frutti, definiti in botanica “esperidio”. […]

Albero di Kaki, cure e coltivazione

Albero di Kaki, cure e coltivazione

Il Kaki (Diospyros kaki), noto anche con il nome di loto o italianizzato in cachi, è un albero da frutto di origini cinesi. Il primo paese ad avviarne la coltivazione […]

Anguria, coltivazione

Anguria, coltivazione

Se siete dediti alla cura dell’orto, maggio è il mese giusto per seminare le angurie, o cocomeri che dir si voglia. Ecco quindi alcune indicazioni utili per l’ottenimento di un […]

Weigelia, caratteristiche e coltivazione

Weigelia, caratteristiche e coltivazione

La Weigelia è una pianta appartenente alla famiglia delle Caprifoliacee, ed è originaria dell’Asia; sotto questo nome sono comprese 12 specie di arbusti rustici a foglie decidue, dai fiori tubulosi […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1angelo biagi

    salve , ho bisogno di un consiglio, ho appena tolto un innesto a margotta da un mandarino e al momento l’ho messo in un vaso con un terriccio per agumi, volevo sapere ( visto che è un ramo alto circa 2 metri con parecchie foglie) se è il caso di dargli una potatura , ho paura di rovinarla . grazie

    24 set 2011, 19:02 Rispondi|Quota
    • #2Marion

      Ciao. Magari puoi dare una sfrondata ma potarlo io non lo poterei

      28 set 2011, 11:41 Rispondi|Quota
  • #3giancarlo

    salve,il mio mandarino piantato in vaso,perde foglie apparentemente sane,o al massimo con un piccolo taglio longitutinale,in questo periodo (luglio) lo annaffio tutte le sere perche il giorno si raggiungono anche i 33°.Vivo in provincia di roma.
    Potete darmi un consiglio.
    Grazie

    2 lug 2012, 16:52 Rispondi|Quota
    • #4Marion

      Prova a diradare le annaffiature. Annaffia a giorni alterni anche se fa caldo, e vedi cosa succede. ;)

      3 lug 2012, 09:56 Rispondi|Quota
  • #5giancarlo

    @ Marion:
    Grazie,proverò a diradare le annaffiature e ti farò sapere.

    3 lug 2012, 14:31 Rispondi|Quota
  • #6giuseppe amato

    il mio mandarino si è ricoperto di muffa bianca tra i frutti ravvicinati, cosa posso fare? grazie.

    13 ott 2012, 15:16 Rispondi|Quota
  • #8giancarlo g

    Ciao ho un mandarino che perde la maggior parte dei fiori e di piccoli frutti,come posso ovviare?c’è un concime particolare?quest’anno mi ha fatto 29 frutti l’altr’anno 4,spero con un po’ di cure possa aumentare
    Grazie

    25 nov 2012, 11:07 Rispondi|Quota