Arnica montana, usi e proprietà

di Valentina Commenta

L’arnica montana, chiamata tra le altre cose “tabacco di montagna”, è una pianta molto importante a livello fitoterapico. Essa viene utilizzata per curare patologie e disturbi di vario genere. Scopriamone insieme i principali usi e proprietà.

Arnica_montana

Prima di tutto specifichiamo che tra quelle esistenti l’arnica montana è senza dubbio la specie più diffusa e conosciuta. Sopra i 1000 metri nasce spontanea ma se volete coltivarla in vaso o in piena terra nel nostro paese non è difficile né soprattutto impossibile. Piccola nota di colore prima di procedere con le sue proprietà: in Asia è considerata una pianta a rischio di estinzione per il modo sbagliato nel quale i fiori venivano colti: è indicato infatti reciderli e non sradicare la pianta in modo tale da darle la possibilità di riprodursi adeguatamente.

Essenzialmente in erboristeria è una delle piante più richieste. Possiede infatti:

  • proprietà antinfiammatorie,
  • proprietà analgesiche,
  • proprietà antireumatiche
  • proprietà antiecchimotiche.

Proprio grazie a queste sua capacità di rallentare la diffusione del sangue nei tessuti dopo aver ricevuto una contusione è uno dei rimedi naturali più utilizzati da atleti e sportivi per curare i dolori muscolari, i traumi, gli stiramenti, gli strappi e le contusioni. Anche i problemi più gravi e dalla più lunga guarigione. L’arnica viene anche utilizzata per combattere i dolori influenzali, l’acne, i foruncoli dolenti e non di rado viene utilizzata di supporto contro l’ipertensione, l’eretismo cardiaco e la fragilità capillare. E’ utilizzata come importante componente in diversi farmaci assieme al principio attivo degli stessi. Le forme con le quali l’arnica viene messa in commercio sono le seguenti:

  • pillole o granuli (per uso interno),
  • creme,
  • olii,
  • cerotti
  • tintura.

Quest’ultima non deve essere mai utilizzata su ferite o pelle irritata e non deve essere né ingerita né deve venire in contatto con delle mucose. Non deve poi essere utilizzata in donne in stato di gravidanza.

Photo Credit | Wikipedia

google-max-num-ads = "1">